Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

24 settembre 2017

L’Occidente aprirà gli occhi sul Donbas


Dopo le dichiarazioni del quotidiano Bild sulle due “Repubbliche” DNR / LNR”, sia l’Occidente che l’Ucraina dovranno decidere se continuare a non vedere ciò che è accaduto, accade e accadrà nel Donbas.
In effetti, l’articolo del Bild, per chi ha a cuore la discussione, non presenta nessun tipo di sorpresa.

L’Occidente può decidere far finta a tempo indeterminato che il conflitto nel Donbas è una guerra civile, può far finta per altre due vite che l’occupante russo si basa esclusivamente sulle proprie forze e non sul supporto di collaboratori ucraini – per inciso, non solo nei territori occupati, ma anche a Kiev.
Nell’articolo del Bild, tutte queste persone – invasori russi e collaboratori ucraini – si sono semplicemente riuniti, e non solo sulle pagine della pubblicazione, ma anche nei documenti ufficiali. (un piccolo commento di questa rivelazione del Bild la si può trovare su https://bedrisga.wordpress.com/2016/04/01/una-difesa-contro-la-farsa-di-minsk/)
Dal Bild ci siamo sentiti ripetere ciò che già perfettamente sapevamo – che il Donbas è controllato dai funzionari russi in Russia, che le persone che controllano il potenziale industriale della regione sono coinvolti nel determinare i dettagli di questa amministrazione, che le polene del Donbas non decidono nulla e non sono coinvolti in nulla: sono solo dei temporanei burattini tirati dalle corde dei funzionari russi. Cosa c’è di interessante in questo?2,w=559,c=0.bild

C’è che la pubblicazione tedesca ha annunciato tutti questi sotterfugi e bugie ad alta voce e con i documenti. Ora, non si parla più di evidenti ipotesi, ma di evidenti fatti. E ora l’Occidente e l’Ucraina devono decidere come reagire.
Siccome non è possibile non notare i fatti, adesso c’è in piedi esclusivamente solo una questione di desiderio e di volontà politica; ma il nostro futuro e forse quello del mondo civilizzato dipendono dalla disponibilità di rispondere a questi fatti.
Una scoperta interessante è stata quella di sapere che alle riunioni con i funzionari russi partecipano i rappresentanti di Akhmetov e che ora siamo a conoscenza come molti politici e uomini d’affari occidentali sono stati acquistati dal Cremlino e che agiscono nel suo interesse e non a vantaggio del proprio paese; siamo consapevoli di quanti cosiddetti “patrioti” ucraini – i combattenti per il bene, contro il male – e tutti gli altri idoli del pubblico locale che senza pretese stanno lavorando nell’interesse del nemico, ma non a causa della loro stupidità, ma solo per interessi molto specifici.

Ma non prendiamoci più in giro, tutto questo è già visibile a occhio nudo e da molto tempo, e tutti coloro che volevano vedere lo hanno visto, mentre coloro che non lo vedono, spiegano al mondo civile il loro tradimento con il desiderio di “trovare l’elemento costruttivo” nei rapporti con la Russia e si presentano disponibili a distruggere ciò che rimane dello Stato ucraino, un paese già debole di per sé stesso e solo sostenuto da un particolare fervore patriottico.

Che cosa dire della perseveranza di idioti che non sono in grado di prevedere le conseguenze di certe loro azioni e dichiarazioni? Queste persone credono di essere più intelligenti di molti di noi. Noi siamo gli idioti, io e te, perché non vogliamo affrontare la verità e ammettere i nostri errori e crediamo in buona fede ad ogni esca che Mosca ci pone sulla nostra strada, crediamo a qualsiasi pagliaccio locale che nasconde il suo passato di KGB o le relazioni della sua famiglia. Perché nascondersi? C’è solo una domanda: i documenti aiuteranno queste infime creature e non vedenti professionali a ricredersi sulle loro malefatte?

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

About Bedris,

Lituano di nascita, culturalmente cresciuto in Lituania, Italia e America. Dopo un lungo periodo di professione forense, ho deciso di dedicarmi al giornalismo. La nuova professione la intendo libera da paletti idelogici, essenziale e aperta a condividere le conoscenze con chi legge. Collaboro con alcune testate e scrivo su un mio blog.

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.