Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

22 settembre 2017

Migranti: le nuove prospettive dell’EU


Dopo un forte calo dei flussi migratori dai Balcani, la Germania sta considerando un alleggerimento dei controlli alle frontiere.
Berlino, che ha criticato l’Austria e gli Stati balcanici per aver praticamente chiuso le loro porte ai migranti, cerca di sfruttare il calo dei flussi per diminuire i controlli frontalieri che hanno ingolfato il traffico sul confine austro-tedesco._85526251_029029321

Nel frattempo Bruxelles, aprendo la strada ad un approccio più centralizzato e che toglie la responsabilità degli Stati di confine dai flussi dei migranti, ha delineato dei piani per ridefinire le norme in materia di asilo.
Il documento, da tempo atteso da parte della Commissione europea, prevede opzioni di riforma del regolamento di Dublino, tra cui l’eliminazione del principio secondo il quale i paesi nordici europei possono rispedire i richiedenti asilo al loro porto di primo ingresso.
L’UE si sta muovendo per rafforzare i suoi confini dopo che sono crollati sotto il peso di 1,8 milioni di illegali che hanno attraversato le frontiere lo scorso anno, soprattutto migranti entrati attraverso la Grecia. I più severi controlli nei Balcani occidentali hanno portato a un forte calo dei flussi migratori nel corso del mese passato; ma il grosso arretrato di oltre 53.000 casi in Grecia, rende evidente sul terreno che l’UE non è ancora riuscita a gestire il frangente con un approccio comune.

Frans Timmermans, il vice-presidente della commissione, ha dichiarato: “Il sistema attuale non è sostenibile. Diversi approcci nazionali hanno alimentato uno shopping di asilo e una irregolare migrazione, mentre abbiamo visto che le regole di Dublino hanno messo troppa responsabilità su pochi Stati membri”. Nel medio termine, la riforma in materia di asilo è considerata cruciale per preservare la possibilità di viaggiare in Europa senza passaporto, ma tratta alcune soluzioni politiche potenzialmente esplosive, come ad esempio l’imposizione di quote di rifugiati obbligatorie o dei limiti sui diritti dei paesi a decidere chi ha il dovere alla protezione.2C4F8FDF00000578-3233641-image-a-39_1442252018736

Il documento è un primo passo pesato contro il rischio politico di successo, prima che questa estate la Commissione elabori proposte legislative concrete. Mentre Berlino sta premendo per una profonda riforma, i paesi dell’Europa orientale si oppongono alle quote automatiche dei profughi; la Francia sta dubitando se rinunciare al controllo di ricovero, mentre la Gran Bretagna vuole che i principi fondamentali di Dublino rimangano intatti, di modo che possa ancora espellere alcuni richiedenti nel paese d’entrata UE.
Questa settimana, creando molti disordini nei campi profughi greci, è iniziata l’estromissione dei migranti da Atene con il loro ritorno ad Ankara – una controversa politica criticata come una possibile violazione della Convenzione di Ginevra. La signora Merkel, che sostiene con forza l’accordo UE-Turchia, ha anche avvertito che le chiusure dei Balcani non sono una risposta, perché restringono i rifugiati in Grecia e a lungo termine potrebbero portare al collasso della zona Schengen e minacciare l’unità dell’UE.

Il progetto di visione presentato mercoledì, suggerisce che i paesi dell’UE alla fine dovrebbero cedere il controllo della politica d’asilo a un corpo centrale il quale prenderà decisioni sulle richieste dei rifugiati e li distribuirà in modo “equo”.
L’Ufficio europeo di sostegno per l’asilo, che offre solo consulenza e assistenza agli Stati membri, diventerebbe una sorta di agenzia federale, anche se tutto ciò richiede una modifica ai trattati europei, che i funzionari ammettono sia difficile da attuare, nel breve e nel medio termine.

Tags: , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

About Bedris,

Lituano di nascita, culturalmente cresciuto in Lituania, Italia e America. Dopo un lungo periodo di professione forense, ho deciso di dedicarmi al giornalismo. La nuova professione la intendo libera da paletti idelogici, essenziale e aperta a condividere le conoscenze con chi legge. Collaboro con alcune testate e scrivo su un mio blog.

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.