Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

19 novembre 2017

L’Ucraina orientale vede l’aumento degli scontri


Sabato, l’Ucraina ha registrato un forte aumento degli attacchi da parte dei separatisti sostenuti dalla Russia intorno alla città di Avdiivka in Ucraina orientale, i quali hanno contato almeno la morte di un civile. I ribelli dal canto loro, hanno comunicato un aumento dei bombardamenti da parte delle forze governative e la morte di uno dei loro combattenti.
I combattimenti scoppiati in Ucraina due anni fa, hanno finora ucciso più di 10 mila persone e hanno lasciato aree di territorio sotto il controllo dei separatisti. L’accordo di cessate il fuoco firmato nel febbraio 2015 a Minsk, in Bielorussia, ha ridotto significativamente le violenze, ma viene regolarmente violato da entrambe le parti.

L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, responsabile del monitoraggio della tregua, ha espresso molta preoccupazione per quello che ha definito il più alto livello di violazioni del cessate il fuoco da settembre. Il capo della missione di monitoraggio, Ertugrul Apakan, ha osservato come “preoccupante l’altissimo numero di incidenti che coinvolgono l’uso di armi pesanti e mortai”.
I militari ucraini hanno riferito che dallo scorso fine settimana, la situazione intorno ad Avdiivka è notevolmente peggiorata e hanno accusato i separatisi di usare carri armati, mortai e artiglieria per attaccare la città che si trova a soli 17 km a nord di Donetsk, la roccaforte separatista. Venerdì scorso, un attacco di mortaio ha ucciso una donna civile, riporta la nota militare.26

L’Unione europea, dopo che sono stati presi di mira anche gli osservatori internazionali, ha criticato il “livello senza precedenti di violenza” in Ucraina orientale.
Il significativo aumento delle violazioni del cessate il fuoco nella regione di Donetsk rappresenta un livello senza precedenti di violenza – ha sostenuto il capo della politica estera dell’UE Federica Mogherini in una dichiarazione del 10 aprile.
L’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) il 10 aprile sera, ha reso noto che il 9 una squadra dei suoi monitor in Ucraina orientale, era finita nel mirino dei separatisti, mentre una vettura con gli osservatori a bordo non è stata fatta passare ad un posto di blocco, dopo aver ricevuto alcuni colpi di fucile sparati in aria come avvisaglia.
Venerdì sono stati feriti cinque militari ucraini, di cui quattro ad Avdiivka, scrive l’agenzia di stampa Interfax, citando Andriy Lysenko, il portavoce presidenziale delle forze ucraine.
Le forze ribelli hanno accusato le truppe governative di diffusi bombardamenti e, Eduard Basurin, il vice capo delle forze militari di Donetsk, ha affermato che un combattente è stato ucciso da un cecchino ucraino e che sono stati feriti due civili, trasmette Interfax.

Tags: , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.