Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

26 settembre 2017

LA CITTA’ DEI RAGAZZI PER I COSTRUTTORI DEL DOMANI


Domenica 10 aprile 2016, a Cittadella in provincia di Padova, in una giornata che ha visto l’interno delle Mura che caratterizzano la Città, ricco di stand di diverse associazioni del territorio, è stato organizzato l’evento “Città dei Ragazzi”. Nelle prime ore del mattino diversi volontari hanno preparato i giochi e le attività per i giovanissimi, a cui era rivolto l’intero evento. Una sfilata con il complesso bandistico e le Majorette, seguita dal saluto e il benvenuto delle autorità, ha dato inizio alla particolare giornata e alle iscrizioni di partecipazione che si sono concluse alle diciotto, quando i novecentonovanta iscritti, che hanno avuto la possibilità di aderire ai diversi giochi, attività ludico-ricreative e di socializzazione presso una ventina di associazioni, avevano terminato tutte le loro prove. L’incontro, dopo alcune giornate piovose, è stato baciato dal sole con alte temperature: un clima favorevole per tutte le attività che si sono svolte all’esterno.

Alla manifestazione hanno partecipato l’Avis, il Complesso Bandistico, la Croce Rossa Italiana, l’Associazione Nazionale Carabinieri, le associazioni che promuovono il Mercato Equosolidale, l’interculturalità, Organizzazioni che proteggono e tutelano gli animali, l’Agesci e tante altre, tutte con un comune obiettivo: la partecipazione attiva nella società per promuovere il benessere universale.

Al di là delle attività svolte quotidianamente dalle associazioni in tutto il territorio Nazionale, abbiamo voluto chiedere quale messaggio ed insegnamento volessero trasmettere ai giovanissimi in una giornata interamente dedicata a loro.

Pierobon Davide, il presidente dell’associazione Nazionale dei Carabinieri di Cittadella, ci ha spiegato che secondo lui i giovani dovrebbero saper riconoscere le situazioni di emergenza ed essere in grado di proteggersi. Questi insegnamenti, a suo avviso, possono essere trasmessi tramite il gioco, la proiezione di film istruttivi e lo studio interno dell’auto utilizzata dai Carabinieri per conoscerne la realtà più da vicino.

I giovani inoltre, dovrebbero conoscere anche ciò che vige negli altri paesi, come ha insistito Michele Guidolin, il direttore dell’associazione “Incontro fra i Popoli”:

Molti bambini affrontano quotidianamente difficoltà per procurarsi l’acqua potabile ed altri beni fondamentali per la sopravvivenza”.

A tal proposito sono state proposte varie tematiche, tra cui il “Trasporto africano” e il “Trasporto del nome”. Di quest’ultima attività, che prevede un nome italiano tradotto e usato nelle lingua araba, ce ne ha parlato Hicham El Bouazaoui, un volontario dell’associazione che ci ha spiegato che per lui, la scoperta della diversità non è una mancanza, ma un guadagno per tutti.

La solidarietà sembra essere un punto di partenza per raggiungere assieme gli obiettivi comuni, secondo la signora Rita, una educatrice della comunità “Maranathà”.

Si devono curare diversi insegnamenti, diverse lezioni e diversi consigli per accrescere nei giovani la voglia d’imparare, scoprire e di conoscere le diverse realtà nelle quali vivono e li circondano.

I presenti all’evento indossavano diversi tipi d’abbigliamento, usavano diversi idiomi locali, ma anche stranieri, come l’accento inglese di Christine, una nonna australiana che assieme al figlio e al nipote hanno visitato la città e gli stands.

Alla fine della giornata i più piccoli hanno sofferto a dover lasciare le innumerevoli attività e, con qualche dispetto e lacrima, sono stati trascinati verso casa. L’appuntamento è al prossimo anno con la speranza d’aver impresso qualcosa di solido nel cuore e nelle menti dei “costruttori del domani”.

Zouhra Tassount

Tags: , ,

Rispondi

Altre storie da- Arte e Eventi

About redazione,

La nostra redazione è composta da un gruppo di pochi giornalisti che compongono le pagine e da un altro gruppo a cui sono affidati compiti di scrittura e riscrittura. In particolare il redattore ordinario stende gli articoli e monitora costantemente le agenzie e l'elaborazione dei pezzi, inoltre modifica e adatta i pezzi altrui (la nostra “cucina”).

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.