Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

19 novembre 2017

Russia: nuove leggi draconiane


I due progetti di legge – № 1.039.101-6 e № 1.039.149-6 – presentati al parlamento russo, che vengono descritti come un’autorizzazione all’FSB d’imprigionare la gente in massa con l’accusa di “estremismo” e, che sono stati proposti un giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha creato la “Guardia nazionale”che, quando percepisce minacce ha l’autorizzazione a sparare senza preavviso sui manifestanti, hanno la certezza di essere sottoscritti dai deputati.
Lev Ponomaryov, il responsabile della Ong dei diritti umani e un ex prigioniero politico sovietico, scrive che la Russia sta stringendo il cappio intorno al fragile collo della società civile russa. I decreti proposti sono destinati a rendere più duri i pericolosamente elastici articoli del codice penale che definiscono il termine “estremismo”, già ora quotidianamente utilizzato per soffocare il dissenso.

L’attivista tartaro Rafis Kashapov, per esempio, sta scontando una condanna a tre anni per aver criticato pubblicamente l’annessione della Crimea. Darya Polyudova è stato recentemente condannato a 2 anni per presunto incitamento all’estremismo e al separatismo, ma in realtà aveva solo espresso la sua opinione su un social network, cosa che potrebbe accadere a chiunque contesta o si dissocia dalle scelte del Cremlino.
Mentre sono necessarie misure rigorose per combattere il vero terrorismo, la Russia sta abusando del termine contro gli avversari ideologici, come il regista ucraino Oleg Sentsov, e anche come arma di terrore e intimidazione contro la sua popolazione.
Ponomaryov osserva che c’è in corso un processo che potrebbe portare ad un totalitario “glorioso futuro”, e il fatto che i decreti fossero stati presentati il ​​giorno dopo della legge che ha di fatto creato la “Guardia nazionale”, non è certo un caso.

2011_Russia_LGBT

Le proposte sono state presentate da Irina Yarovaya, il capo del comitato della Duma per la sicurezza, e da Victor Ozerov, che detiene lo stesso posto nel Consiglio della Federazione – la Camera alta del Parlamento russo. Alexander Verkhovsky, il direttore del Centro Sova che, tra le altre cose, controlla l’uso improprio della legislazione anti-estremismo, ritiene che i due decreti possano essere leggermente modificati, ma certamente verranno adottati.
I disegni di legge si propongono di aumentare sensibilmente le concezioni del codice penale connesse con il termine “estremismo” e “terrorismo”. Ad esempio ora, una persona potrebbe essere reclusa per “incitamento all’inimicizia – articolo 282; perché ha preso parte ad una società estremista – art. 282.1; ha operato all’interno di un’organizzazione vietata – art.282.3.

Ciò significa che Yekaterina Vologzheninova, condannata per incitamento all’ostilità per aver simpatizzato con l’Ucraina nel caso dell’annessione russa della Crimea, oggi finirebbe in prigione per 4 anni.
I due decreti, applicati in Crimea, dove “l’attività dei Mejlis è appena stata sospesa” con il presunto capo d’accusa di “estremismo”, porterà automaticamente in carcere coloro che aderiscono al Mejlis, quando è un organo eletto e riconosciuto come legale in tutto il mondo.
I disegni di legge si propongono anche di ridurre l’età, portandola a 14 anni, in cui si incorre nelle responsabilità penali.
Altre modifiche includono la parificazione dei media a Internet, con l’incriminazione e l’arresto di coloro esprimono la propria idea sui social network.

I disegni di legge elencano una serie di motivi per i quali un individuo non può lasciare il paese, tra cui anche il divieto di uscire dallo Stato per cinque anni se uno riceve un avvertimento formale di apertura di una qualche indagine che lo riguarda, anche se dopo viene archiviata o sospesa.
Chiaro che la paura di ricevere un “avvertimento” è un potente deterrente contro ogni forma di attivismo civico o di espressione di idee o opinioni personali. Dmitry Peskov, l’addetto stampa di Putin, è stato molto felice della possibilità concessa alla guardia nazionle di poter sparare a vista se “percepisce” un pericolo, ma ora con l’aggiunta dei due nuovi disegni di legge, la possibilità di abusi raggiunge un livello agghiacciante.

Tags: , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.