Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

19 novembre 2017

Donbas: il continuo arrivo di nuove armi dalla Russia


Il GUR, il dipartimento di Intellighenzia del ministero della difesa ucraino ha ricevuto nuove prove che la Russia continua a fornire hardware e armi militari ai suoi proxy nel Donbas.
Un treno merci con hardware militare, tra cui tre carri armati nuovi fiammanti, due sistemi Grad da 122 millimetri, 15 quintali di munizioni “leggere”, due camion Ural e 160 tonnellate di gasolio sono recentemente arrivati ​​alla stazione ferroviaria di Debaltseve, città controllata dai separatisti.

topM1_v5_est_2te116_transoil_norm_706a

La parte ucraina ha informato dei fatti i rappresentanti della missione di vigilanza speciale dell’OSCE.
Nel suo rapporto, il servizio di Intellighenzia ucraina ha segnalato alcune vittime militari dell’unità del 1 ° corpo d’armata (Donetsk) delle Forze Armate della Federazione Russa dal 14 al 16 aprile: tredici militari tra separatisti e russi sono rimasti feriti, mentre 3 sono morti in incidenti stradali causati dalla guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti.
Inoltre, continua la relazione, per ottenere il controllo di più territorio nella zona vicina al mar d’Azov, si stanno registrando frequenti combattimenti tra alcune unità delle forze armate russe e gruppi di separatisti nel villaggio di Bezimenne: l’intervento del generale del 1° corpo d’armata delle forze armate russe, Valeriy Asapov, è riuscito, per il momento, ad acquietare la situazione.
Nel frattempo, un soldato ucraino è stato ucciso e altri tre sono rimasti feriti nella giornata di sabato, secondo il portavoce dell’amministrazione presidenziale ucraina Oleksandr Motuzianyk, il quale ha segnalato che le truppe governative nello stesso giorno erano state attaccate 50 volte.

Domenica invece, i militanti filo-russi hanno aperto il fuoco 79 volte lungo tutta la linea di demarcazione con mortai di calibro da 120 e 82 mm in direzione di Avdiivka e Zaitseve oltre le località di Krasnohorivka, Pisky, Opytne, Berezove e Krymske, mentre, ha continuato il portavoce, l’esercito ucraino per difendersi ha aperto il fuoco 18 volte.

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.