Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

18 novembre 2017

Nuovo gas per l’Europa


Gli Stati Uniti e l’Unione Europea hanno approvato la costruzione di un corridoio meridionale del gas che, aggirando la Russia, assicurerà la consegna del prodotto dall’Azerbaijan all’UE, ha indicato nella dichiarazione finale il Consiglio per l’energia UE-USA, tenutosi il 4 maggio a Washington.

Il Consiglio ha ribadito il forte sostegno per l’apertura del corridoio meridionale del gas, tra cui la costruzione del Trans Adriatic Pipeline (TAP), e ha sottolineato l’importanza dell’intersezione Grecia-Bulgaria e la costruzione di un terminale di gas naturale liquefatto in Croazia, oltre che in Grecia – ha riportato il comunicato.
Secondo “Interfax”, il Consiglio ha espresso l’intenzione di continuare a lavorare sulla diversificazione delle forniture di materie prime nei paesi dell’UE e in quelli vicini, in particolare per creare mercati di energia alternativa.

SEE_web_1-400x294

Allo stesso tempo, il Consiglio ha sottolineato che “è inaccettabile trasformare l’energia in un’arma politica”. Il Consiglio dell’Energia favorisce anche un trasparente e sicuro mercato mondiale dell’energia per lo sviluppo della cooperazione in materia d’efficienza energetica.
Il Consiglio ha accolto favorevolmente la collaborazione degli Stati Uniti e dell’Europa per “sostenere l’Ucraina”, compresi gli sforzi “per garantire la sicurezza energetica dell’Ucraina nel medio e lungo termine”. In questo contesto, è stata valutata positivamente l’istituzione di forniture di gas inverso dai paesi europei all’Ucraina e l’adozione da parte di Kiev di un prezzo unico del bene.

La riunione del Consiglio si è tenuta il 4 maggio a Washington, co-presieduta dal segretario di Stato Usa, John Kerry e dal capo della diplomazia europea, Federica Mogherini.
Il corridoio meridionale del gas – è uno dei progetti prioritari dell’Unione europea, che prevede il trasporto di 10 miliardi di metri cubi di gas azero dalla regione del Caspio attraverso la Georgia e la Turchia fino all’Europa, con un conseguente incremento dei volumi di trasporto fino a 20 miliardi.
Il 3 marzo, la Commissione europea ha approvato un accordo per costruire il gasdotto Trans-Adriatico (parte europea del corridoio meridionale), tra la Grecia e l’Energy Holding TAP AG, che è il contraente del progetto.

Il 4 maggio, il segretario di Stato Usa, prima della riunione con l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha ribadito che il lancio del gasdotto “Nord Stream-2” avrà un effetto negativo su tutti i paesi dell’Europa orientale.

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.