Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

23 settembre 2017

Verona e il ritorno della Divina Callas


Una mostra itinerante per raccontare la donna e il soprano attraverso i luoghi, gli oggetti e la musica della sua vita

Quasi settant’anni fa la città di Verona avviava la carriera di una delle voci più celebri della lirica mondiale. Oggi, a circa quarant’anni dalla sua scomparsa, la città scaligera le rende omaggio con una delle più importanti rassegne che le siano mai state dedicate.
Anna Maria Cecilia Sophia Kalogeropoulous, per tutti la divina Maria Callas, torna nella terra che le ha regalato la fama e l’amore con una grande mostra monografica: Maria Callas. The Exhibition.

Accessibile al pubblico fino al 18 settembre presso l’AMO (Arena Museo Opera) di Verona, l’esposizione rende omaggio al soprano, alla donna e alla diva che in questa città si è esibita, innamorata e ha vissuto parte della sua vita. E lo fa attraverso una raccolta di oggetti, veri e propri pezzi di storia, tra le più ampie e complete che si siano mai viste finora.

Gioielli, lettere, costumi di scena, documenti, ritagli di giornali e servizi fotografici provenienti dagli archivi dei più importanti teatri italiani e mondiali e in parte dagli archivi privati della stessa soprano, per raccontare “gli anni veronesi della Callas, il suo matrimonio e il suo rapporto con l’Arena di Verona – dichiara Francesco Girondini, Sovrintendente Fondazione Arena di Verona e Direttore AMO – proseguendo sul tema centrale della musica e in particolare dell’opera”.

d77264ae34

Un viaggio all’insegna dell’emozione, scandito dalla voce della stessa Maria che accompagna il visitatore lungo le quattordici sezioni in cui si suddivide il percorso espositivo. Un tour mondiale che da Verona farà tappa in alcune delle città che hanno segnato la carriera e la vita della Divina. Una mostra itinerante per ricordare il personaggio e renderle omaggio nei luoghi che più di altri l’hanno vista protagonista: da Atene a New York, passando per Parigi fino a Città del Messico.

Si parte da Verona e dall’Italia e da quel 2 agosto 1947 che ha cambiato le sorti dell’allora ventiquattrenne semisconosciuta Callas. Dal debutto all’Arena nelle vesti di Gioconda, diretta dal maestro Tullio Serafin, e dall’incontro col suo futuro marito, l’industriale veronese Giovanni Battista Meneghini, ha inizio l’ascesa professionale e la parentesi italiana dell’ormai leggendaria soprano.

Dai palcoscenici di Firenze, Venezia e Roma ai ruoli di primo piano in Medea, La Traviata e Norma. E ancora, dalla tournée sudamericana che la porta in Argentina, Brasile e Messico al ritorno in Italia per un altro importante debutto: quello al Teatro La Scala di Milano. Dal Covent Garden di Londra, dove si esibisce ne la Norma di Vincenzo Bellini, ad un altro degli incontri più importanti e devastanti della sua vita: quello con il magnate miliardario Artistotele Onassis, dal quale nasceranno un amore ed una vera e propria rincorsa al gossip da parte delle principali testate internazionali.

All’apice della sua carriera la Callas non è più semplicemente un’eccellente soprano: è anche e soprattutto una diva e un’icona di stile. Imitata e idolatrata dalle donne, corteggiata da stilisti del calibro di Dior e Saint-Laurent si guadagna le copertine di alcune delle maggiori riviste. Tra gli scatti provenienti dall’archivio personale della stessa Callas esposti in mostra c’è anche quello realizzato da Jerry Tiffany, nel 1958, a New York per un servizio della casa discografica EMI. Indubbiamente tra i ritratti più iconici.

gioconda-6

E ancora, abiti, cappelli, borse, gioielli e altri accessori appartenuti alla diva raccontano gli anni della storia con Onassis e delle frequentazioni hollywoodiane, quelli del trionfo più grande all’Opèra di Parigi e infine le sofferenze e la solitudine degli ultimi tempi, quelli che lei stessa definisce così: “non un figlio, non una famiglia, non un amico”.

Info e prenotazioni

AMO Arena Museo Opera, Palazzo Forti, Verona
Sito web: www.mostracallas.it
Tel.: +39 0458003524

Orari

Lunedì dalle 14:30 alle 19:30
Dal martedì alla domenica dalle 9:30 alle 19:30
! La biglietteria chiude un’ora prima

Biglietti

Intero: 13 euro
Ridotto: 11 euro

 

Tags: , ,

Rispondi

Altre storie da- Arte e Eventi

About Concetta Prencipe,

Classe 1987, Firenze, Roma e la Puglia nel cuore, una laurea in Editoria Multimediale e Giornalismo in tasca e un piccolo sogno nel cassetto: scrivere per vivere. Con varie collaborazioni alle spalle, per Ua-Time scrivo principalmente di mostre ed eventi culturali.

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.