Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

26 settembre 2017

Omaggio a Giorgio Albertazzi


Giorgio Albertazzi È morto da poco più di una settimana una grande personalità della cultura italiana: Giorgio Albertazzi.                                                                                                                                   Definirlo con una sola parola è impossibile: fu un grande attore e regista italiano, prima ancora un architetto e ancora un autore e un fotografo. Un personaggio eclettico, unico nel suo genere.                                                                                                                                         La televisione italiana deve molto ad Albertazzi che si può dire l’abbia inaugurata, diventando un vero e proprio divo della tv degli anni ’50 e oltre.

Toscano, nato a Fiesole nel 1923, neanche ventenne si ritrovò tra le fila dei sostenitori della Repubblica di Salò con il grado di sottotenente e successivamente, con la caduta della stessa, venne arrestato per collaborazionismo e trascorse due anni della sua vita in carcere dove, a suo dire, sopravvisse leggendo Marx e Engels.                                                    Non si pentì mai delle sue scelte “fasciste”, non rispose mai apertamente alle accuse derivate da quello stesso periodo; non sapremo mai se fosse realmente presente e se avesse comandato il plotone di esecuzione che fucilò il partigiano Ferruccio Manini.

Dopo la guerra, ebbe finalmente il tempo di diplomarsi e laurearsi in architettura per poi dedicarsi alla sua vera passione: la recitazione.                                                                                                                                                                                                            Appena dopo 26 giorni dall’esordio della tv italiana, debuttò nel 1954 recitando in diretta la tragedia shakespeariana Romeo e Giulietta; questo fu solo l’inizio per Albertazzi che divenne il protagonista di quasi tutti gli sceneggiati di successo promossi dalla RAI come Delitto e castigo e L’idiota di Dostoevskij, Re Lear di Shakespeare, lo Zio Vania di Checov o recitando nella serie televisiva di successo Philo Vance, indossando i panni dell’investigatore creato da S.S. Van Dine.

Non si fermò solo al piccolo schermo, Albertazzi raggiunse le sale cinematografiche prima con Articolo 519 Codice Penale, in seguito con Don Camillo, il Mercante di Venezia, debuttando infine negli anni ’70 come regista, dirigendo e interpretando Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson.

Ma è nel teatro che dimostrò tutta la sua passione, la sua bravura, incantando gli spettatori con la sua grande presenza scenica e la sua voce calda e suadente. Un vero mostro e proprio da palcoscenico. Innumerevoli furono gli spettacoli che lo videro protagonista al teatro della Scala di Milano e  La Fenice di Venezia.                                                                                                                                        Dedica la fine della sua vita al teatro, non solo recitando ma formando nuovi allievi e aspiranti attori grazie all’associazione fondata da lui stesso nel 1994, il Laboratorio Arti Sceniche Città di Volterra.

Nel 2003 le sua autorevolezza venne  omaggiata prima con la proposta di condurre il Teatro di Roma, l’anno dopo con il premio Gassman alla carriera.                                                                                                                                                                                   Nonostante l’età ormai avanzata non perse mai un colpo, per esempio in quello stesso anno non si lasciò sfuggire l’occasione di lavorare con Dario Fo, né di presenziare pochi anni dopo alla cerimonia di Apertura dei Giochi Olimpici invernali di Torino, interpretando il Canto di Ulisse.

Un sogno pieno di ironia per Albertazzi sarebbe stato quello di spegnersi sulla scena, interpretando un personaggio in punto di morte; purtroppo il suo addio alle scene e alla vita fu meno “teatrale”, cogliendolo a casa della moglie Pia de’ Tolomei, il 28 maggio, alla veneranda età di 92 anni.

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- Arte e Eventi

About redazione,

La nostra redazione è composta da un gruppo di pochi giornalisti che compongono le pagine e da un altro gruppo a cui sono affidati compiti di scrittura e riscrittura. In particolare il redattore ordinario stende gli articoli e monitora costantemente le agenzie e l'elaborazione dei pezzi, inoltre modifica e adatta i pezzi altrui (la nostra “cucina”).

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.