Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

25 settembre 2017

L’economia ucraina torna a crescere


L’economia ucraina, raggiungendo lo 0,1 per cento nel primo trimestre 2016, è tornata alla modalità di crescita, secondo l’ultimo rapporto pubblicato dalla Banca Mondiale (BM) sulle prospettive economiche globali, che è stato pubblicato il 7 giugno.
Gli esperti inoltre, hanno constatato che il calo del 9,9 per cento del 2015 non è stato così critico come si prevedeva in precedenza. “Altri dati di quest’anno sottolineano che il paese sta uscendo dalla recessione – osserva il rapporto.

Come afferma la Banca Mondiale, dopo il forte aumento dei prezzi del 2014 e del 2015, relativi alla svalutazione della grivna e alle riforme dei tassi di cambio, l’inflazione, sullo sfondo della stabilizzazione della valuta, ha rallentato.
La parte occidentale dell’Ucraina non è stata direttamente colpita dal conflitto e si sta espandendo. Tuttavia, le cifre delle esportazioni e le importazioni sono state più che dimezzate rispetto al 2012 e rimangono deboli. La capacità del settore bancario di concedere i prestiti è gravemente limitata – riporta la relazione.
Nel complesso, si prevede che l’economia ucraina cresca di un punto percentuale del Pil quest’anno e nel prossimo anno acceleri al due per cento.

world-bank-640x342

Per quanto riguarda l’economia russa, secondo gli esperti, il primo trimestre ha visto un calo del PIL dell’1,2 per cento sullo sfondo di un “calo degli investimenti privati ​​e dei consumi”. L’attesa per quest’anno è di uno scivolone dell’economia russa dell’1,2 per cento. A titolo di confronto, nel 2015 la recessione è stata ancora più profonda, -3,7 per cento del PIL, “l’economia russa sta lottando per adattarsi alla diminuzione dei prezzi del petrolio, l’embargo commerciale e i problemi geopolitici che operano contro di lei – spiegano gli esperti – Tuttavia, nel 2017 l’economia russa crescerà dell’1,4 del PIL.
Nel frattempo, la Banca Mondiale ha abbassato le sue previsioni per l’economia mondiale. Secondo le previsioni attuali, si prevede un aumento del PIL mondiale del 2,4 per cento nel 2016, mentre nel mese di gennaio 2016 ha raggiunto il 2,9 per cento.

La Banca Mondiale prevede nella zona euro una crescita media dell’1,6 per cento, sia per questo che per il prossimo anno – il tasso di crescita rimane la stesso, come nel 2015. Nel 2018, il tasso di crescita dovrebbe essere leggermente inferiore, 1,5 per cento.
Secondo le previsioni, l’economia cinese crescerà del 6,7 per cento quest’anno, dopo la registrazione di un suo aumento del 6,9 per cento nell’anno precedente, e l’economia indiana manterrà il suo tasso di crescita del PIL al 7,6 per cento.

Tags: , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

About Bedris,

Lituano di nascita, culturalmente cresciuto in Lituania, Italia e America. Dopo un lungo periodo di professione forense, ho deciso di dedicarmi al giornalismo. La nuova professione la intendo libera da paletti idelogici, essenziale e aperta a condividere le conoscenze con chi legge. Collaboro con alcune testate e scrivo su un mio blog.

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.