Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

12 dicembre 2017

21 giugno, l’Europa in Festa per la Musica


L’Europa celebra la Festa della Musica. Concerti e artisti di tutto il mondo si esibiranno nei luoghi della cultura d’Italia e non

Dopo il successo della scorsa edizione, si torna a festeggiare nelle principali capitali e città europee la musica, chi la fa e chi se ne nutre. Senza distinzione di generi e senza vincoli alcuni, artisti di una certa fama, professionisti del settore ma anche dilettanti e musicisti in erba potranno prendere parte all’edizione 2016 di uno degli eventi più importanti nel panorama musicale internazionale: la Festa Europea della Musica.

Una ricorrenza che parla francese. Nasce, infatti, il 21 giugno 1982 per volere dell’allora ministro della cultura di Francia per poi, a distanza di soli due anni, invadere il resto d’Europa e del mondo. Berlino, Barcellona, Budapest, Bruxelles, Praga e Roma sono solo alcune delle città che hanno aderito all’iniziativa. Nella sola Italia, dal 2002, sono più di 120 le città che aprono le porte alla musica dal vivo e a chi ne fa parte.

Anche quest’anno, non si sottrae all’appello il Bel Paese che, per l’occasione, mette a disposizione di cittadini, turisti e musicisti il suo patrimonio artistico-culturale. Piazze, palazzi storici e nobiliari, chiese, musei e aree archeologiche, ma anche carceri ed ospedali, faranno da cornice agli oltre duemila eventi in programma lungo tutto lo Stivale. Una cifra importante che si somma alle 280 città che, da nord a sud, accoglieranno gli oltre otto mila musicisti, noti e meno noti, pronti a salire sui palcoscenici d’eccezione d’Italia.

Dalla Capitale a Napoli, da Firenze a Paestum, da Castel del Monte a L’Aquila la Festa della Musica si rivela innanzitutto “una grande occasione di incontro e riscoperta delle nostre città nel segno della creatività”, come dichiara il ministro dei beni, delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini. Un’occasione per dare spazio alla musica, dalla classica alla moderna, ai musicisti, famosi e non, e al patrimonio culturale delle nostre città. Per fare della musica un momento non solo da ascoltare ma anche da “vedere”.

La città di Roma anche per quest’edizione aderisce all’iniziativa con gli oltre 200 concerti in calendario. Location d’eccezione saranno i musei, i luoghi storici, i parchi, i chiostri, ma anche centri culturali, librerie, pub e locali di musica live. Tra gli eventi da segnalare: il concerto di Carmen Consoli e del duo francese Le Brigitte a Piazza Farnese e il Coro del Teatro Regio di Parma nel Piazzale del Bollettino Vittoria, solitamente non accessibile al pubblico.

Per l’elenco dettagliato di tutti i concerti in programma a Roma e nel resto d’Italia si rimanda al sito ufficiale. Si segnala, infine, che tutti gli eventi sono gratuiti.

Tags: ,

Rispondi

Altre storie da- Arte e Eventi

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.