Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

26 settembre 2017

In compagnia di Gustav Klimt


Gustav KlimtAppena si pronuncia il nome di Klimt, l’associazione alla sua opera più famosa, il “Bacio“, è pressoché immediata. Forse però in pochi sanno che proprio il 14 luglio, data da poco trascorsa, si ricorda l’anniversario del suo giorno di nascita; la nascita di un’artista con la A maiuscola, un’artista rivoluzionario, caparbio e intraprendente.

Klimt nacque infatti il 14 luglio nel 1862 in un sobborgo viennese; a quattordici anni intraprese subito la carriera artista, iniziando la Scuola d’Arte e Mestieri della capitale: le sue inclinazioni erano già ben chiare, la strada da percorre già segnata. La scuola fu per lui un buon biglietto da visita che gli permise di entrare e vedere da vicino il mondo variegato dell’arte, venendo così a conoscenza delle diverse tecniche dell’arte classica, e rimanendo di conseguenza impressionato dall’affresco e dal mosaico, motivo ricorrente nei suoi quadri, firma indelebile della sua arte.

La sua carriera iniziò quando gli vennero commissionati i suoi primi lavori, con diverse decorazioni pittoriche in importanti edifici pubblici della capitale come l’Università di Vienna; la sua entrata nel mondo artistico non avvenne però in sordina e attirò fin da subito su di sé attenzione e scandalo per il contenuto erotico delle sue opere nonché per l’impostazione totalmente nuova dei suoi lavori che non passavano di certo inosservati.

La sua carriera ufficiale, come possiamo ben immaginare, finì presto; quella artistica invece era soltanto all’inizio. Gustav Klimt  infatti non è l’artista che si lascia intimidire dall’opinione della massa,  e soprattutto non è l’artista che è disposto a uniformarsi pur di lavorare. In uno scatto di ribellione, nel 1897, si mise a capo di un nuovo movimento, quello di Secessione, per poter liberare finalmente l’arte dalla convenzioni e dai canoni ufficiali che non facevano altro che ingabbiarla, togliendogli così la possibilità di esprimersi in tutta la sua forza. Si fece portavoce dell'”Art Nouveau”, uno stile ricco e complesso, contrassegnato dall’uso del mosaico, unito ad un ‘arte simbolista dalla forte valenza erotica. Un connubio infallibile, di grande effetto, assolutamente evocativo e raffinato.

La sua arte morì con lui il 6 febbraio 1918, portato via da un’attacco apoplettico.

Della sua vita privata si sa ben poco; a parte l’attaccamento al fratello Ernst, suo compagno anche nel lavoro, si fece la fama del donnaiolo, circondato sempre da modelle bellissime, semi-nude, in attesa di essere ritratte.

Ci fu però una donna che si distinse; il suo nome è Emile Flöge. In realtà non si sa nemmeno precisamente se siano stati realmente amanti i quando la loro relazione iniziò effettivamente; molti però, di sicuro i più romantici, individuano proprio nella sua opera più importante, il “Bacio“, l’emblema del loro amore. Sorella della moglie di suo fratello, alla morte di quest’ultimo, Klimt fece, per amore del fratello, da protettore ad entrambe, intrecciando così il suo destino con la Bella Emile, la sua giovane musa. La musa però non era una sprovveduta, si fece strada da sola nella vita, da semplice sarta diventò un vero e proprio modello per le donne, una business woman a tutti gli effetti: riuscì infatti ad aprire un salone tutto suo in cui riversò tutta la sua creatività e il suo estro da stilista e designer.

Nonostante tutte le amanti attribuite al nostro artista, e i conseguenti figli illegittimi; Emile Flöge gli resterà accanto per sempre e alla fine, è proprio questo che conta.

 

Tags: , , , ,

Rispondi

Altre storie da- Arte e Eventi

About redazione,

La nostra redazione è composta da un gruppo di pochi giornalisti che compongono le pagine e da un altro gruppo a cui sono affidati compiti di scrittura e riscrittura. In particolare il redattore ordinario stende gli articoli e monitora costantemente le agenzie e l'elaborazione dei pezzi, inoltre modifica e adatta i pezzi altrui (la nostra “cucina”).

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.