Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

14 dicembre 2018

In Ucraina gli atteggiamenti anti-Putin attirano gli assassini | Ucraina


Un ceceno e sua moglie, accusati di aver complottato contro Putin, sono stati aggrediti vicino a Kyiv.

Per i critici del presidente russo Vladimir Putin, è un difficile momento frequentare le strade ucraine. Martedì, Amina Okuyeva, la moglie di un critico di Putin, Adam Osmayev, è stata uccisa in un agguato appena fuori Kyiv. Osmayev stesso, che la Russia accusa di essere coinvolto in un complotto destinato ad assassinare Putin nel 2012, è stato ferito, ma dovrebbe riprendersi. (Il complotto del 2012 contro Putin è stato rilevato dalle autorità ucraine quando i terroristi hanno fatto brillare prematuramente i loro esplosivi).

L’attacco di martedì sembra essere stato il seguito di un tentativo di assassinio di giugno, che anche allora aveva come fine ultimo la eliminazione della coppia. Nel precedente incidente, un killer si è finto un giornalista ed ha attaccato la coppia, ma la sua goffa azione è stata scoperta ed è rimasto ucciso da Okuyeva. Secondo le autorità ucraine, il militante era un cittadino russo in possesso di un passaporto ucraino. L’implicazione: l’assassino era un operatore o un agente della intelligence russa.

Indipendentemente, quest’ultimo attacco è solo la punta dell’iceberg.
La settimana scorsa, un membro nazionalista ucraino, Igor Mosiychuk, è stato preso di mira con una bomba posizionata su uno scooter mentre lasciava uno studio televisivo. Un certo numero di ufficiali militari e di intelligence ucraini sono stati assassinati nel corso di quest’anno, e, quello che unisce queste persone, è la loro critica o la loro ostruzione al governo russo e / o al leader ceceno, Ramzan Kadyrov.

Ma mentre Kadyrov è un individuo particolarmente aggressivo, è anche il ragazzo di Putin. E, il desiderio di Kadyrov di avere un comportamento imprevedibile, sommato alla sua dichiarata brutalità mettono a disposizione di Putin un intermediario semi-camuffato, tramite il quale il presidente russo può raggiungere i suoi interessi. Allo stesso modo, anche se la gente di Kadyrov non fosse dietro a questi attacchi, certamente sono persone che operano su consenso di Putin.

Fa sempre sensazione leggere le teorie della cospirazione. È come entrare nella mente di un maniaco che si fissa su un singolo dettaglio, su un singolo fotogramma di un filmato, lo analizza con mente analitica e giudica strano ogni singolo pixel; mentre ignora tutto il resto del filmato. E così, con le accuse alla Federazione Russa per l’interferenza nelle elezioni americane, con una certa mancanza di senso del ridicolo, alcuni media hanno sostenuto che a fare le analisi dei casi “dovrebbero essere gli imputati, altrimenti si tratterebbe di perizie di parte” (?). In questo mondo quando chi è sospettato “si auto-assolve, è sufficiente non solo per una presunzione di innocenza, ma per scagionarlo completamente”, “Putin quindi, non può che essere una vittima di sospetti faziosi e di maldicenze” (Ovviamente tale benevolenza è applicabile solo a lui).

Ora, se si trattasse di un caso, di due, di tre, di quattro, … si potrebbe anche pensare che si tratti di sfortuna. Quando però si perde il conto dei critici di Putin morti ammazzati in tragici incidenti al piombo, alla diossina, od al veleno di qualche rara pianta esotica, restano solo tre possibilità.

• Criticare Putin porta sfortuna, e la Provvidenza punisce chi è così cattivo da parlare male di una persona buona come lui – Dio vede e poi provvede.
• Ad essere sfortunato è Putin e la malasorte fa sì che i suoi critici periscano in simili imbarazzanti incidenti per screditare un sant’uomo come lui.
• Non è stata la malasorte ad accanirsi con Putin in tutti questi anni, ma sono stati Soros, o magari la CIA, o i perfidissimi ucraini, o magari i mimimmi.

In ultima analisi, probabilmente arriveranno ​​altri attacchi; ma la lezione degli appassionati di assassini russi è che non si fermeranno finché non troveranno un governo contrario. Purtroppo però, per un’Ucraina politicamente disfunzionale, sfidare l’invasione russa nelle sue province sud-orientali diventa sempre più difficile.

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.