Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

23 giugno 2018

Eliminare la corruzione russa dall’Occidente | Ucraina


Anne Applebaum in una intervista ci spiega i perché, sia ​​Stalin che Putin, hanno scelto come loro obiettivo l’Ucraina e come il mondo civilizzato si può difendere dal tarlo della corruzione russa.

Il 20 novembre, la giornalista statunitense, scrittrice, storica e giornalista di Washington Post, Anne Applebaum, è arrivata in Ucraina per presentare il suo nuovo libro, “Red Famine: Stalin’s War on Ukraine”. I suoi precedenti lavori si erano incentrati sulla storia dell’Europa centrale e orientale. In particolare, l’autore ha ricevuto il premio Pulitzer per il libro “Gulag: a History”. La conversazione con la scrittrice si è concentrata non solo sulla sua nuova pubblicazione, ma anche sulle relazioni ucraino-polacche (la signora Applebaum vive in Polonia ed è sposata con il politico e statista polacco, Radoslaw Sikorski), le prospettive del regime di Putin in Russia e i problemi del liberalismo occidentale.

D. Signora Applebaum, sta lanciando il suo nuovo libro “Red Famine: Stalin’s War on Ukraine” a Kyiv, non è il primo libro di un autore occidentale sull’Holodomor. In particolare, prima c’è stato il lavoro di Robert Conquest, che è stato un best seller in Occidente. Ci sono state anche pubblicazioni in lingua inglese di James Mace e altri autori. Perché lei ha pensato che il lettore occidentale necessitasse di ulteriori informazioni sull’Holodomor? A chi è indirizzato il suo nuovo libro?
R. “Dopo aver parlato con i colleghi ad Harvard nel 2012, mi sono resa conto che negli archivi russi e ucraini c’erano state delle scoperte e che queste meritavano di essere rese pubbliche, quindi ho realizzato di scrivere il libro. Sia Conquest che Mace hanno scritto in un’epoca precedente all’apertura degli archivi. Ma negli ultimi dieci anni, sia gli studiosi ucraini che quelli occidentali hanno trovato del nuovo materiale, e direi abbastanza per cambiare la storia e il modo in cui può essere raccontata. Ci sono anche scritti privati e memorie singole, fonti che prima non c’erano. Il risultato è che oggi puoi fare una chiara discussione del perché Stalin avesse voluto colpire l’Ucraina”.

“Questo libro è destinato principalmente ai lettori occidentali, che forse conoscono la storia europea o sovietica, ma non conoscono molto quella ucraina. E, sebbene il lavoro sia focalizzato sulla carestia, mentre facevo la ricerca mi sono resa conto che la carestia non poteva essere spiegata senza la storia della rivoluzione ucraina del 1917, la rivolta contadina del 1918-19 e degli anni venti. Negli anni ’30, Stalin si riferiva costantemente all’era della guerra civile e sentivo che i lettori avevano bisogno di sapere cosa fosse successo”.
“Anche se gli ucraini conoscono questa storia, penso che alcuni di loro, in particolare i più giovani, possano trovare utile anche il mio libro. La mia prospettiva è probabilmente diversa da ciò che tanti pensano e forse per alcuni è interessante”.

D. Una volta ha affermato che la storia ci aiuta a capire la politica di oggi. Negli ultimi tempi, la storia è diventata la pietra angolare della politica polacca sia in casa che all’estero, in particolare nel contesto delle relazioni ucraino-polacche (che, per inciso, avvicina la Polonia all’attuale regime russo). Cosa pensa che abbia causato questa “fissazione” della società e dei politici polacchi alle questioni storiche? Quali conseguenze potrebbero derivare per le relazioni tra i due paesi? Riesce a vedere un “nuovo Jerzy Giedroyc” tra gli intellettuali polacchi o lei è una pessimista per questa questione?
R. “Alcuni anni fa, avevo già considerato la questione dei conflitti storici polacco-ucraini come completamente chiusi. Ci sono state commissioni storiche polacco-ucraine, che hanno pubblicato libri congiunti e sono arrivate ad una narrazione concordata che soddisfaceva entrambe le parti. Grazie, e in parte a questo sforzo, durato molti anni, la politica estera polacca, dagli anni ’90 al 2015, è stata costantemente basata sull’idea che l’Ucraina deve essere un paese forte e indipendente; i vari successivi governi polacchi, seppur di diversi partiti, hanno sempre promosso quest’idea. Come ben sa, è stata la Polonia che per prima ha proposto all’UE di negoziare un accordo commerciale con l’Ucraina. Anche adesso, nella società polacca non c’è una “fissazione” generale sul “problema” Ucraina, e suppongo che la maggior parte degli ucraini non odino i polacchi”.

“In Polonia, quello che stiamo vivendo è che ci troviamo davanti al potere di un gruppo di inesperti politici che presumono di guadagnarsi la popolarità in patria avviando discussioni all’estero, non solo in Ucraina, ma anche in Francia, Germania e Unione europea. Ciò che gli ucraini dovrebbero fare di più è di abbassare la retorica. Non rispondere al meschino nazionalismo con un nazionalismo ancora più meschino. Bisogna tornare indietro e leggere i libri pubblicati dalle commissioni storiche congiunte e cercare ancora il terreno comune. A lungo termine, la relazione polacco-ucraina è incredibilmente importante per entrambe le parti. L’unico paese che vince dallo stupido conflitto polacco-ucraino per un qualcosa che è accaduto molti decenni fa è la Russia”.

D. Alcuni degli ultimi eventi in Russia mostrano che Putin si è prefissato l’obiettivo di formare una nuova élite statale. In particolare, si stanno effettuando “corsi speciali” ad un gruppo di funzionari di nuova generazione, che includono non solo lezioni da parte di accademici, titolari di top office e oligarchi della ristretta cerchia di Putin, ma anche alcuni “corsi” piuttosto esotici, come il paracadutismo e la partecipazione a manovre militari. Un certo numero di partecipanti a questa “scuola speciale” sono stati recentemente nominati governatori. Pensa che questa strategia voglia significare che Putin, subito dopo le elezioni presidenziali del 2018, voglia riformattare il suo regime? Che tipo di regime sarà e quali saranno le sfide per l’Ucraina e il resto del mondo?
R.”Davvero non lo so – non viaggio più in Russia e non ho idea di chi sia la nuova élite. La mia ipotesi è che Putin ora stia copiando la Cina, che ha rinunciato alla finta democrazia e ora promuove i suoi leader attraverso un simil-processo”.

D. Ci sono tanti esperti, giornalisti e politici occidentali che sostengono che senza la Russia non è possibile garantire la sicurezza in molte regioni. E anche Trump lo ha recentemente twittato: “Quando tutti coloro che sono carichi di odio e gli sciocchi là fuori capiranno che avere un buon rapporto con la Russia è un vantaggio e non un male? C’è sempre la politica che fa il male nel nostro paese. Voglio risolvere la Corea del Nord, la Siria, l’Ucraina, il terrorismo e la Russia può esserci di grande aiuto!”. Perché tali opinioni sulla Russia ci appaiono a scadenza?
R.”Trump non è tipico. Ha una bizzarra fissazione sulla Russia, e l’ha presa molti anni fa. Questo potrebbe essere collegato alla sua attività per alcuni investimenti russi, così come anche al ruolo svolto dalla Russia nelle elezioni americane”.
“Ovviamente è vero che, per gli Stati Uniti e per tutti gli altri, sarebbe meraviglioso avere una cooperazione russa per la Corea del Nord, o in Siria o in Ucraina. Il guaio è che la Russia non vuole cooperare, non ha gli stessi obiettivi degli Stati Uniti o dell’Europa e quindi il tentativo di collaborazione è sempre destinato al fallimento”.

D. Secondo la sua idea, come l’Occidente (UE e NATO) dovrebbe trattare con la Russia per costringerla a seguire le norme internazionali ed invertire la sua azione in Ucraina?
R. “Penso che le sanzioni – con mia grande sorpresa – stiano funzionando molto bene. Stanno davvero facendo arrabbiare Putin. Quello che dovremmo fare ora è eliminare completamente la corruzione russa e il riciclaggio di denaro in Occidente, in quanto ciò incide direttamente sulla ricchezza della classe dirigente russa. Dovremmo diffondere l’imposizione del visto alla Russia per molto tempo, fino a quando non cambierà la sua politica”.

D. Ho notato in uno dei suoi articoli che è l’élite politica russa, non la società, che dovrebbe essere incolpata per la politica anti-occidentale e anti-ucraina. Significativamente, la differenziazione tra la società russa e la classe politica russa è un approccio abbastanza diffuso tra gli analisti occidentali. Su cosa si basa il suo atteggiamento e perché non condivide l’opinione del più piccolo gruppo di osservatori che crede che l’attuale regime russo soddisfi le richieste di fondo della società russa stessa?
R. “Non so a quale articolo si riferisca, quindi non so quale ne sia il contesto. Ma penso che sia importante ricordare che gli interessi dell’élite russa e gli interessi della società russa non sono gli stessi, anche quando i loro punti di vista sembrano collimare. Ad esempio, sarebbe molto positivo per i russi se l’Ucraina fosse un paese prospero e democratico, integrato in Europa, perché sarebbe positivo per le imprese russe avere un vicino benestante con cui commerciare; ma per le élite russe questa è un’idea minacciosa”.

D. In una delle sue ultime colonne, quella della menzogna sul passato in cui la violenza era la caratteristica essenziale del movimento bolscevico, lei afferma, piuttosto inaspettatamente, che le stesse caratteristiche si trovano negli attuali movimenti e partiti di estrema destra e sinistra occidentali. Quale posto pensa che occupi l’eredità bolscevica nell’ideologia dell’attuale regime russo? La propaganda ufficiale, che spesso si diffonde non solo una bugia, ma due o tre menzogne ​​che si contraddicono a vicenda, e la guerra come strumento principale della politica estera (basti ricordare tutti i conflitti locali che la Russia ha provocato nei paesi vicini negli ultimi 25 anni), sono per lei motivi sufficienti per considerare l’attuale regime russo neo-bolscevico?
R.”L’eredità bolscevica è complicata per la Russia, come dimostra il fatto che la Russia non ha celebrato il centenario del 1917. Da un lato ha creato un impero di lingua russa; d’altra parte, milioni di persone sono morte e il paese è stato impoverito. I russi stanno ancora lottando per vedere come ricordarlo”.
“Quando ho scritto di “neo-bolscevismo”, mi sono riferita ad un certo modo di pensare: che non esistono avversari legittimi, che l’obiettivo di tutta la politica è eliminare organizzazioni, tribunali e media indipendenti. Sì, si potrebbe dire che è vero per il pensiero putinista in Russia, anche se ovviamente il putinismo è anche peggio di così, perché anche Putin arresta e uccide i suoi avversari. Per quanto riguarda la Russia che provoca conflitti nei paesi vicini, questa è semplicemente la vecchia politica estera russa, risalente all’era zarista”.

D. Nelle sue pubblicazioni avverte spesso del pericolo delle forze anti-liberali in Occidente, nelle quali include, non solo i vari partiti e movimenti estremisti, ma anche fenomeni come quello di Donald Trump e del Partito di Giustizia e Legge in Polonia. Lei condivide l’opinione che il liberalismo contemporaneo abbia davvero dei lati deboli che non soddisfano le richieste della società? Se è così, quali sono questi lati? Di quali cambiamenti ritiene che abbia bisogno oggi l’idea liberale?
R. “Qualche anno fa, Donald Trump sarebbe stato considerato un estremista, e gran parte di ciò che sostiene Legge e Giustizia ora è più radicale di qualsiasi altro potere passato. Quindi, la nostra definizione di “estremo” e “mainstream” si sta evolvendo”.
“Il liberalismo contemporaneo ha bisogno di risposte migliori per disuguaglianza e insicurezza; ha anche bisogno di modi per raggiungere persone che non vivono in città e non beneficiano della meritocrazia educativa. Dovrebbe concentrarsi maggiormente sulla coesione e sulle strategie per aiutare le persone ad adeguarsi alla globalizzazione. Non dovrebbe permettere che l’idea di “patriottismo” o orgoglio venga “rubata” dai nazionalisti di estrema destra”.

“Francamente, continuo a non sentire nulla da sinistra o dall’estrema destra che suona come una soluzione a qualsiasi problema del mondo reale, sia economico, politico o sociologico. Il liberalismo, che è disponibile nelle versioni di centro-sinistra e centro-destra, è ancora la risposta migliore”.

D. Cosa pensa del ruolo dei media occidentali che tendono a informare di più il pubblico sui crimini del regime comunista totalitario?
R.”Intende ora, o negli anni ’30? In realtà penso che ora, ci siano molti più scritti che riguardano lo stalinismo di quanto non lo fosse una volta; c’è anche una generale accettazione del fatto che il comunismo era un sistema criminale e che Stalin era uno dei dittatori più sanguinari della storia, il che non era vero venti anni fa”.
“Mentre, come scrivo nel mio libro, la questione era molto complicata negli anni ’30. A quel tempo, molte persone in Occidente speravano che l’URSS avrebbe fornito le risposte alla crisi economica internazionale e non volevano udire cattive notizie sull’Unione Sovietica. In quell’era, non dobbiamo dimenticare che i giornalisti dovevano collaborare con l’Unione Sovietica se volevano lavorare a Mosca. Alcune persone sono andate più lontano: il famoso, Walter Duranty, corrispondente del New York Times, ha smentito le storie della carestia nel suo famoso articolo, “I russi sono affamati ma non stanno morendo di fame”. Naturalmente ci sono stati anche uno o due coraggiosi giornalisti, di cui nel mio libro ne faccio menzione, che hanno cercato di raccontare la vera storia. Ma penso che il vero problema fosse che, come ho detto prima, la gente non volesse sentire che il progetto dell’Unione Sovietica stava fallendo”.

D. Probabilmente ha visto la recente pubblicazione di New York Times in cui continua a mascherare i crimini del comunismo. E, mentre l’amministrazione Trump ha celebrato il centenario della rivoluzione bolscevica dichiarando una Giornata Nazionale per le vittime del comunismo, il New York Times ha segnato lo stesso anniversario in modo diverso: ha disposto una serie di articoli che esaltano le virtù del comunismo. Come commenta la linea editoriale del giornale che da molti ucraini che vivono negli Stati Uniti è considerato come di sinistra o socialista?
R. “Non sono molto interessata a criticare gli altri giornali, nel New York Times ci sono ottimi giornalisti. Per quanto riguarda la serie, alcuni degli articoli in esso contenuti non erano poi così male – altri erano sciocchi o stupidi. Ma sì, alcuni non avrebbero dovuto essere stampati sul quotidiano che un tempo lavorava con Walter Duranty”.

“Per quanto riguarda il presidente Trump, non credo che gli importi molto della storia del comunismo o della storia di qualsiasi cosa. Sono contenta che lo facciano alcune delle persone che lavorano per lui, proprio come hanno fatto tutte le amministrazioni americane negli ultimi decenni”.
“Il giornale per il quale lavoro, come sa, ha pubblicato un mio lungo articolo sui bolscevichi il 7 novembre. Grazie!”.

Tags: , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- L'angolo delle interviste

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.