Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

23 giugno 2018

Un lupo vestito da mercenario | Russia


Per esercitare un’influenza militare plausibilmente negabile ed economicamente e politicamente sostenibile all’estero, Mosca potrebbe guardare sempre più verso le società militari private (PMC), conosciute in Russia come Chastnye Voennie Companiy (ChVK).

Diversamente, invece di fare affidamento su proxy, come le milizie locali o i gruppi criminali organizzati nei conflitti come in Siria, Ucraina e Libia, le compagnie militari private russe offrono al Cremlino la promessa di un maggiore controllo e di efficacia dei combattimenti, il tutto sottraendo la potenziale reazione politica interna per gli eventuali militari russi vittime di guerre lontane.

In Russia, la fornitura di servizi “mercenari” è illegale ai sensi dell’articolo 208 del Codice penale della Federazione russa e il ministero della Difesa russo ha evitato di utilizzare ufficialmente le PMC per timore di minare il monopolio statale sulla violenza armata. Ma nei conflitti all’estero, anche se in silenzio, c’è in corso una spinta per iniziare a sfruttare gli abiti militari privatizzati.

Nel 2012, alla domanda sulla possibilità di utilizzare le compagnie militari private come strumenti indiretti di influenza russa all’estero, il presidente russo Vladimir Putin ha risposto: “Credo che tali società siano un modo per attuare gli interessi nazionali senza il coinvolgimento diretto dello stato – aggiungendo – Penso che potremmo considerare questa opzione”. Alcuni esperti, per dare una giustificazione legale alle società militari private in Russia, fanno riferimento alle leggi del 2008, che consentono alle società energetiche statali, Gazprom e Transneft, di mantenere ampie forze di sicurezza.

David Shedd, l’ex direttore ad interim, di Defense Intelligence Agency:
“L’appalto di alcune singole capacità militari consente a Putin di sfruttare esperienze uniche all’interno di quelle imprese che includono non solo capacità paramilitari, ma anche conoscono la lingua (arabo, farsi e curdo nel caso della Siria) e principalmente l’arabo nel caso della Libia, con utilizzo anche della cultura locale, che potrebbe avere difficoltà a trovare all’interno delle normali forze militari russe. Ancora più importante, tuttavia, credo che lui stia cercando la negazione sopra ogni altra cosa, rendere al minimo il contraccolpo in Russia quando si dovesse avverare una perdita di vite nelle zone di guerra, che è politicamente difficile da sostenere in casa. Le ditte private consentono a Putin di espandere le sue risorse laddove si applica la guerra non convenzionale, cioè, l’esperienza delle forze speciali intraprende attività operative su misura, comprese le azioni cinetiche”.

Ma mentre l’illegalità delle compagnie militari private in Russia potrebbe essere un’indicazione che il Cremlino non condona tali attività, si potrebbe invece capire che la posizione legale è intesa a nascondere la mano ufficiale di Mosca. La dottrina militare russa dell’intelligence, nota come maskirovka, crea intenzionalmente dubbi e confusione sul coinvolgimento e sulle intenzioni del Cremlino. Le compagnie militari private forniscono una strada economica, politicamente conveniente, controllabile e capace di schierare forze nelle zone di conflitto in tutto il mondo.

Il Maggiore Generale Volodymyr Havrylov, Addetto alla Difesa dell’Ucraina negli Stati Uniti:
“Mosca ha disperatamente bisogno di sostituire o integrare la sua regolare forza militare schierata in alcuni paesi. In Ucraina, la Russia nega la sua presenza mentre in Siria opera apertamente. In Ucraina, prima o poi, la Russia dovrà sostituire il proprio personale militare con qualche tipo di forza sostitutiva, completamente controllata, ma non ufficialmente collegata a Mosca. In Siria, la Russia cerca di evitare inevitabili pesanti perdite tra i suoi militari. I mercenari sono una delle opzioni e Mosca lo sta sperimentando”.

Michael Sulick, ex direttore della CIA National Clandestine Service:
“A parte la plausibile negabilità e la reazione interna, l’esercito russo in Siria è tormentato da truppe insufficientemente preparate e il numero di giovani è in calo, da qui la necessità di integrare con appaltatori privati ​​che, di regola, hanno esperienza e si spera che facciano diminuire il numero di vittime nazionali. Gli appaltatori sono indubbiamente più disciplinati e attenti alla sicurezza rispetto alle truppe regolari che, nonostante le smentite di Putin sul coinvolgimento dell’esercito, hanno pubblicato loro immagini sui social media dall’Ucraina orientale”.

L’ingresso della Russia nelle operazioni militari pseudo-private è iniziato nel 2013 con lo schieramento di 267 contraenti russi per la compagnia slava Corps in Siria. L’accordo, secondo quanto riferito, è stato medagliato dal gruppo di sicurezza Moran, registrato a Hong Kong con il governo siriano e benedetto da FSB. L’Huffington Post ha riferito che si trattava di “proteggere le risorse del regime di Assad, come le strutture petrolifere e del gas” per liberare risorse dell’esercito siriano per un’offensiva contro ISIS.

Ma una volta che gli appaltatori russi sono sbarcati, sono stati invece incaricati di operazioni di combattimento per prendere il controllo delle strutture dalle mani dell’ISIS, portandoli a sfortunate scaramucce contro il gruppo terroristico e alla resa pubblica della compagnia, secondo il Consiglio Atlantico.

• Probabilmente il più importante PMC russo fino ad oggi è il gruppo Wagner, che secondo l’Eurasia Daily Monitor della Jamestown Foundation avrebbe schierato unità sia in Ucraina che in Siria, probabilmente sotto la direzione e il finanziamento dell’intelligence militare russa, il GRU, per testare l’efficacia dei proxy privatizzati. Sebbene tecnicamente privato, Wagner apparentemente agisce come un braccio della politica russa ed è stato pesantemente coinvolto nei combattimenti nel Donbas e Palmyra nel 2015. All’inizio di quest’anno, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha annunciato sanzioni contro Dmitry Utkin, il fondatore di Wagner, per il reclutamento di appaltatori che si uniscono ai separatisti che combattono nell’Ucraina orientale. Gran parte della confusione circa la portata e la natura dell’impegno diretto della Russia nelle battaglie terrestri in Ucraina e in Siria è probabilmente dovuta alla denegata componente che facilitano le compagnie militari private.

• Come indicazione di dove potrebbero apparire le società militari private russe, Reuters ha riferito che un’impresa russa chiamata RSB-Group ha inviato appaltatori militari in Libia orientale alla fine dello scorso anno, e se ne è andata a febbraio, dopo aver completato la loro missione di sminamento a sostegno del controverso capo generale regionale Khalifa Haftar. Haftar sta gareggiando per un maggiore ruolo di leadership della Libia, dato che le sue forze impiegano tattiche discutibili nel volatile est del paese, indipendentemente dal governo appoggiato dall’ONU a Tripoli. L’uso di una società privata in questo caso permette al Cremlino di isolarsi dalle affermazioni che sostiene un uomo forte e falso, piuttosto che il governo riconosciuto a livello internazionale.

Michael Kofman, ricercatore scientifico, CNA Corporation:
“I PMC hanno dimostrato di poter fare la differenza su campi di battaglia lontani e sono una utile compensazione quando la Russia vuole mantenere la propria impronta militare ridotta. Sono anche uno strumento efficace a supporto dell’insurrezione sponsorizzata dallo stato o della guerra non convenzionale, perché sono plausibilmente negabili e disponibili. Operano con il sostegno dello stato e con il regime di sanzioni, ma in un’area legale grigia, che rispecchia probabilmente il numero dei ministeri del potere russo. Avendo partecipato a operazioni in Ucraina e in Siria, i PMC supportati dalla Russia, o affiliati, possono fornire le prime indicazioni di un interesse statale in un particolare conflitto e formare quella che potrebbe essere considerata un’ala esplorativa. Gran parte della strategia russa è emergente, il successo genera successo, e in questo senso i mercenari sono un modo utile per essere coinvolti in un conflitto senza essere “coinvolti” in esso.

Le compagnie militari private sono concettualmente diverse dalle società di sicurezza private assoldate per attività difensive e di protezione e formazione VIP, anche se a volte la distinzione si confonde. I PMC sono organismi privati ​​di spedizione, orientati in modo offensivo e dotati del mandato, ufficiale o meno, di impegnarsi in un combattimento che cerca di sconfiggere o scoraggiare gli avversari e guadagnare terreno. A differenza dei mercenari del passato, le compagnie militari private sono strutturate come società multinazionali, spesso con una rete di sussidiari e società di comodo in varie giurisdizioni in tutto il mondo.

• Mentre le entità tecnicamente private, le società militari private sono spesso assunte dai governi stranieri per volere o in linea con le politiche nazionali del loro paese d’origine, appaiono nel contesto di una carenza di volontà politica a sostenere operazioni militari prolungate all’estero, e spesso si schierano con uno sfondo di sfruttamento delle risorse naturali, con promesse di contratti successivi per proteggere le installazioni dopo aver completato la loro missione.

• Seguendo i protocolli della famigerata società militare privata sudafricana degli anni ’90, Executive Outcomes, nelle loro campagne in Sierra Leone e Angola, il Cremlino secondo quanto riferito, utilizza incentivi basati sul mercato in Siria concedendo agli appaltatori militari privati i diritti petroliferi e minerari del territorio, al sicuro dagli estremisti. Secondo il New York Times, due compagnie russe, Evro Polis – che presumibilmente collaborano con Wagner, e Stroytransgaz, hanno già firmato tali accordi con il governo siriano.

Michael Kofman, ricercatore scientifico, CNA Corporation:
“I PMC in Russia sono meno un’impresa e più un’estensione della capacità dello stato di perseguire interessi laddove sono richieste operazioni extra territoriali. Le PMC possono fare una differenza decisiva nei conflitti in cui vi è una bassa densità di forze sul campo di battaglia e la Russia sta cercando di partecipare a un costo basso o negabile. Le unità si avvalgono quasi sempre di persone del luogo, e l’attuale preferenza russa è d’usare il proprio potere militare in brevi raffiche sul campo di battaglia, per ottenere un decisivo effetto politico. I mercenari sono più efficaci a sostenere gli sforzi prolungati, perché nella politica interna le loro perdite sono accettabili”.

Il Maggiore Generale Volodymyr Havrylov, Addetto alla Difesa dell’Ucraina negli Stati Uniti:
“Allo stesso tempo, Mosca nei suoi progetti all’estero, non può procedere con l’uso massiccio di società militari private senza modificare la legislazione nazionale. E qui c’è una sfida per Mosca. Perché, la legalizzazione delle compagnie militari private potrebbe rappresentare una potenziale minaccia al sistema politico altamente centralizzato che ha creato Putin”.

NdA: l’ambasciata russa a Washington e Kyiv hanno rifiutato di commentare questa analisi.

Tags: , , , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.