Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

16 dicembre 2018

Donbas: “la Russia non ha ancora deciso” | Ucraina


L’inviato speciale del Dipartimento di Stato per l’Ucraina Kurt Volker, in un’intervista con la pubblicazione statunitense Politico, ha presentato i risultati dei suoi negoziati – questo rappresenta già il terzo incontro – con l’aiutante presidenziale russo Vladislav Surkov.

Il loro esito, secondo il signor Volker, si è rivelato piuttosto negativo – perché Mosca non ha trovato una soluzione per la questione di inviare una missione internazionale di pace nel Donbas. Secondo il diplomatico americano, ci sono l’80% di probabilità che la guerra nel Donbass continui per un altro anno.

“Mi sono reso conto che Surkov è una persona molto intelligente, professionale e capace. Lui può essere il senso cinico dell’umorismo, ma sa quello che sta facendo – ha descritto nell’intervista a Politico l’inviato speciale – e penso che spetti al presidente Putin decidere cosa fare con il conflitto in Ucraina, ma Surkov ha l’opportunità di comunicare con il presidente, che è molto importante”.

Allo stesso tempo, la posizione di Vladimir Putin è rimasta inconcepibile per Kurt Volker. Secondo lui, “i russi non hanno ancora deciso se porre fine al conflitto e raggiungere la pace, uscire da lì, e in un qualche modo ritornare tutto”. Tuttavia, un progresso nella direzione ucraina, ha sottolineato il signor Volker, sarebbe un forte argomento a sostegno di Vladimir Putin nelle prossime elezioni presidenziali del marzo 2018. Egli (Vladimir Putin – NdA) ha condotto le elezioni del 2012 con una retorica nazionalista sulla tutela dei russi contro i nemici esterni, giustificando così la continuazione della sua leadership. Riuscirà a giocare la stessa carta in questo momento, o darà il via a qualche cosa d’altro? Resta ancora tutto da vedere – ha espresso Kurt Volker – Penso che una dichiarazione che lui ha scelto il mondo, ha deciso di fermare la guerra e le uccisioni tra ucraini e russi, che realizzerà uno status speciale per l’Ucraina orientale sarebbe un buon “vendere” (agli elettori -NdA). Gli accordi di Minsk verrebbero attuati e la comunità internazionale garantirà la sicurezza in questa regione, compresa la sicurezza per le persone di lingua russa. Potrebbe dichiarare molti risultati se volesse; ma non sappiamo come si muoverà”.

A sua volta, la posizione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump e degli altri rappresentanti di Washington, ha affermato Volker, è una: “vogliono vedere il mondo”. Per quanto riguarda la questione delle consegne di armi letali americane all’Ucraina, non esiste una risposta definitiva. Tuttavia, lo stesso signor Volker è a favore delle consegne.

“L’argomento (contro le consegne), è che si potrebbe provocare un’escalation, una corsa agli armamenti e che la Russia sarà sempre in grado di alzare le asticelle e che non c’è bisogno di aggiungere benzina sul fuoco; ma il conflitto ha già avuto luogo, la Russia lo sta già facendo, è già in guerra – ha spiegato – gli Stati Uniti conducono la cooperazione per la difesa e collaborano nella vendita di armi con dozzine di paesi in tutto il mondo. Non vedo alcuna ragione per cui l’Ucraina dovrebbe essere un caso speciale, e perché non dovremmo comportarci in modo simile alla Russia [che fornisce i separatisti], soprattutto in considerazione del fatto che gli ucraini cercano attivamente di difendere il proprio territorio”.

Per quanto riguarda i recenti colloqui con Vladislav Surkov, svoltisi il 13 novembre a Belgrado, secondo Kurt Volker “c’è stato un passo indietro”.
Ricordiamo, che l’assistente presidenziale ha “trovato accettabili” solo tre dei 29 emendamenti al progetto di risoluzione russa del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, proposti dal Dipartimento di Stato americano. “A Washington abbiamo sottolineato, guardiamo, siamo incuriositi da ciò che la Russia ha presentato alle Nazioni Unite – ha sostenuto Kurt Volker – penso che abbia promosso l’idea di una missione delle Nazioni Unite, ma dovrebbe essere una vera e propria forza di pace”.

“Questa dovrebbe garantire la sicurezza in tutta la zona del conflitto, controllare il dispiegamento delle armi pesanti e verificare la parte ucraina del confine ucraino-russo”. Tale scenario, secondo il signor Volker, “sarebbe un passo utile per raggiungere l’attuazione degli accordi di Minsk”. Tuttavia, Mosca “è tornata alla proposta originale”, che non implica un mandato così ampio per la missione di mantenimento della pace, si è rammaricato il diplomatico americano. Ha suggerito che la ragione di un tale risultato non deve essere necessariamente collegata con l’Ucraina, ma con un basso livello di relazioni tra Mosca e Washington nel suo complesso. Il prossimo incontro tra Kurt Volker e Vladislav Surkov dovrebbe avvenire a dicembre, ma il diplomatico non ha fornito alcuna previsione in merito.

Tuttavia, la ferma posizione di Mosca su qualsiasi questione non è una scusa per fare concessioni, ha insistito Volker. In particolare, ha detto che le differenze tra le questioni di appartenenza della Crimea e del Donbass “non esistono”. “Questa è un’invasione russa, un’occupazione russa del territorio”, ha espresso nella sua visione della situazione. Volker ha anche affermato di aver sollevato la questione della Crimea nei negoziati con Vladislav Surkov per mostrare il disaccordo degli Stati Uniti con lo stato attuale delle cose, ma Mosca ha rifiutato di parlarne.

Tuttavia, alla domanda del giornalista Politico, Susan Glasser, se i suoi nipoti vedranno una mappa con la Crimea russa, il diplomatico ha risposto negativamente. “Quando sono cresciuto, i paesi baltici erano contrassegnati da un asterisco e la nota in calce diceva che gli Stati Uniti non riconoscono l’inclusione dell’Estonia, della Lettonia e della Lituania nell’URSS. Penso che ci sarà qualcosa di simile sulle carte”, ha suggerito Kurt Volker.

Cosa si aspettavano le parti dal “piano Volker”?
Come ha riferito Wall Street Journal (WSJ) all’inizio di novembre riferendosi alle sue fonti, Washington vuole discutere con Mosca la prospettiva di schierare 20.000 peacekeeper nell’est dell’Ucraina. Allo stesso tempo, è stato chiarito che non è necessario parlare della missione delle Nazioni Unite. L’iniziativa di inviare osservatori della pace nel Donbas è stata anche avanzata dalla parte russa – tuttavia, nella proposta di Mosca si trattava di garantire la sicurezza della missione dell’OSCE in Ucraina, la cui forza conta diverse centinaia di persone.

Tags: , , , , , , ,

Una Risposta “Donbas: “la Russia non ha ancora deciso” | Ucraina”

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.