Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

22 settembre 2018

L’Occidente non deve perdere di vista l’Ucraina | Ucraina


Dopo la rivoluzione della Dignità e l’inizio della guerra russa contro l’Ucraina nel 2014, la politica occidentale si era posta due obiettivi: fermare e punire l’aggressione russa ed aiutare l’Ucraina a diventare uno stato democratico governato dallo stato di diritto.

L’America ha imposto sanzioni alla Russia, ha ordinato al presidente Petro Poroshenko, di istituire una forza anticorruzione e ha inviato Joe Biden, allora vicepresidente, a ripetute visite a Kyiv per insistere sulla lotta contro la corruzione. L’UE da parte sua, ha imposto sanzioni alla Russia e come fulcro dell’accordo di associazione firmato con l’Ucraina nel 2014, ha sostenuto la società civile e lo stato di diritto.

In questa luce, le notizie che ci porta l’Ucraina nelle ultime settimane sono terribili. Il procuratore generale del paese ha iniziato le indagini contro il suo Ufficio nazionale anticorruzione, con l’evidente consenso di Poroshenko. Il ministro degli interni è intervenuto per proteggere suo figlio caduto in una situazione simile. Gli ufficiali del servizio di sicurezza, l’SBU, hanno arrestato Mikheil Saakashvili, l’ex presidente georgiano diventato combattente per la corruzione in Ucraina. I pubblici ministeri stanno prendendo di mira gli attivisti anti-corruzione; l’esercito, le truppe del ministero degli interni e le milizie private, rispondendo a diversi politici o oligarchi, lavorano a scopi incrociati. Il governo di Poroshenko è stato seriamente indebolito.

Ad alcuni occidentali questo quadro suggerisce che i loro sforzi per persuadere l’Ucraina a girare pagina saranno sempre destinati a fallire. Questa è una lettura errata, però. In effetti, il recente caos ucraino arriva in parte perché nell’ultimo anno, soprattutto dall’inaugurazione del presidente Donald Trump, l’Europa e l’America hanno allentato la loro pressione su Kyiv e, se non ripristinano il loro impegno a difendere le riforme anti-corruzione, l’Ucraina rischia di sprofondare nelle sabbie mobili dalle quali ha cercato di districarsi con la rivoluzione Maidan.

I politici e gli oligarchi ucraini hanno cercato di criticare gli obiettivi occidentali senza sfidarli apertamente. In parte a causa di ciò, la politica di Trump ha perso concentrazione per la lotta alla corruzione; mentre Kurt Volker, l’inviato americano in Ucraina, lavora per la sicurezza esterna; e quando il Dipartimento di Stato si lamenta della corruzione, viene ignorato, perché – a differenza dell’onorevole Biden – la Casa Bianca non offre alcun sostegno. Per quanto riguarda l’UE, pochi ritengono che possa compromettere il bene dello stato di diritto per il suo accordo di associazione con l’Ucraina. Quindi, l’élite del paese si sente meno pressata e non manifesta più paura degli attacchi degli investigatori e degli attivisti.

Se l’Occidente non riuscirà a porre fine ai tentativi di lotta contro la guerra alla corruzione, sarà un disastro per l’Ucraina e un passo indietro anche per l’Europa e l’America. Il paese è il punto focale del conflitto dell’Occidente con la Russia. Debole e diviso, è vulnerabile alle usurpazioni russe, specialmente se Vladimir Putin decidesse di incrementare i sentimenti patriottici russi. Il caos potrebbe anche sostenere le affermazioni di Putin secondo cui gli obiettivi dell’Occidente in Ucraina sono puramente anti-russi e non hanno nulla a che fare con la democrazia o lo stato di diritto. Tutto ciò minerebbe l’ordine globale basato sulle regole, con conseguenze nel Mar Cinese Meridionale e altrove.

Ora che l’Ucraina sta sfidando le denunce del Dipartimento di Stato americano e del braccio di politica estera dell’UE, è vitale che l’America e l’Europa utilizzino ogni strumento a loro disposizione per sostenere i combattenti la corruzione a Kyiv.

L’UE dovrebbe chiarire che i benefici del patto di associazione dipendono dal progresso contro la corruzione; invece da parte sua l’America dovrebbe attribuire le stesse condizioni per la vendita delle armi. Il sostegno all’integrità territoriale dell’Ucraina non deve comportare una tolleranza alla mancanza di integrità dei suoi politici.

Tags: , , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.