Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

18 settembre 2018

Le dispute storiche polacco-ucraine | Ucraina-Polonia


Nel 2013, con l’eruzione della rivoluzione Euromaidan, gli ucraini hanno risolutamente spinto il loro paese verso ovest, una mossa che avrebbe dovuto migliorare le sue relazioni con la Polonia; invece dal 2014 i due paesi sono diventati sempre più estranei.

Dopo la disgregazione dell’URSS nel 1991, le relazioni post-sovietiche ucraino-polacche si erano costantemente approfondite. Per molti ucraini, specialmente dopo la rivoluzione arancione del 2004, la Polonia era diventata il principale modello di sviluppo e di emulazione, sia per gli affari interni, la riforma economica e della pubblica amministrazione, che nelle relazioni internazionali come l’adesione all’Unione europea e alla NATO. Inoltre, vuoi per il secolare imperialismo, che per la repressione della vita culturale e l’indipendenza politica, entrambe le nazioni nutrono profonde rimostranze nei confronti di Mosca.

L’annessione della Crimea da parte della Russia e l’intervento segreto nel bacino del Donets nella primavera del 2014 hanno ulteriormente accresciuto la percezione della comunità ucraina e polacca del destino delle loro nazioni. Centinaia di migliaia di migranti ucraini – compresi i rifugiati provenienti dalla Crimea e dal territorio del Donbas – negli ultimi anni si sono stabiliti in Polonia alla ricerca di posti di lavoro ben retribuiti, un’educazione decente e una vita migliore. I sondaggi di opinione pubblica in Ucraina e Polonia documentano una crescente simpatia reciproca tra la gente comune. Tuttavia, dal 2014 alcune relazioni interpersonalisi sono deteriorate con scontri quasi mensili a livello verbale e, talvolta, persino fisici, causati principalmente dai radicali dei due popoli vicini.

Il motivo principale – ma non solo – di questo sfortunato sviluppo è una pubblica lite internazionale riguardo all’interpretazione e alla valutazione di un tragico episodio negli affari polacco-ucraini – il cosiddetto Massacro di Volyn (Ukr .: Volyns’ka riznia ) che potrebbe aver causato nel 1943-1944 nell’odierna Ucraina occidentale circa 90.000 morti innaturali. La Polonia ora classifica ufficialmente questa “pulizia etnica ucraina” come un “genocidio”: è stato un tentativo da parte degli ultra-nazionalisti ucraini di preparare la Volinia e la Galizia orientale a diventare parti etnicamente pure di un futuro stato ucraino, progettato principalmente per gli ucraini etnici.

Per essere onesti, l’Ucraina ha formalmente riconosciuto la disgrazia come un omicidio di massa, e Kyiv ha anche ufficialmente chiesto numerose volte perdono alla Polonia. Nel 2015, per commemorare le vittime del massacro di Volhynia, il presidente ucraino Petro Poroshenko si è inginocchiato al monumento. Istituzioni, organizzazioni e gruppi polacchi e ucraini hanno rilasciato dichiarazioni congiunte su questo difficile episodio riconoscendo che, prima e dopo il massacro, ci sono state anche uccisioni polacche di civili ucraini (principalmente nell’area di Chelm), anche se su scala minore. In un certo senso, c’è quindi un piccolo disaccordo tra le due nazioni sulla fattualità, la salienza e la tragedia di questi eventi. L’uccisione di massa dei polacchi del 1943-1944 eseguita dall’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN) con la collaborazione di unità dell’esercito ribelle ucraino (Ukr. Abbrev .: UPA) viene messa in discussione solo da alcune persone, in particolare da sognatori attivisti della memoria ucraina.

Il problema oggi è che molti politici e pubblicisti ucraini rimangono in uno stato di dissonanza cognitiva riguardo ai diversi aspetti della storia del nazionalismo ucraino – un fenomeno psicopatologico che si nota nella memoria collettiva di molte nazioni. Nel caso ucraino, la lotta per l’indipendenza dell’OUN-UPA è da molti dissociata dai crimini contro l’umanità di queste organizzazioni durante la seconda guerra mondiale. Non solo ultra-nazionalisti, ma anche numerosi funzionari statali filo-occidentali e comunque liberali dell’Ucraina, parlamentari, giornalisti e intellettuali fanno una deliberata distinzione tra gli aspetti eroici da un lato, e il “lato oscuro” della battaglia dell’OUN-UPA contro la regola straniera dall’altra parte. Una vasta schiera di pubblicisti storici ucraini formula varie scuse, giustificazioni e moderazioni per i crimini compiuti dagli ultra-nazionalisti ucraini contro i civili.

Dato l’alto numero di vittime polacche del nazionalismo ucraino radicale, queste scuse, confutazioni e distrazioni e il crescente culto ufficiale di Kyiv attorno all’OUN-UPA non sono ben accolte in Polonia. Ovviamente, la storia del tempo di guerra dell’OUN-UPA non è solo una questione ucraina, come piacerebbe a gran parte della sua élite. Dati i crimini contro i polacchi dell’OUN-UPA, queste organizzazioni e i loro leader sono anche i protagonisti della narrazione polacca del destino della Polonia durante la seconda guerra mondiale.

D’altro canto, come ben sanno gli storici dell’Europa orientale, il legame tra la storia nazionale della Polonia e il massacro dei polacchi da parte dei nazionalisti ucraini è più profondo di quanto alcuni politici e intellettuali polacchi possano essere desiderosi di riconoscere. La trasmutazione del nazionalismo originario emancipatorio e di sinistra dell’Ucraina tra il XIX e l’inizio del XX secolo in un’ideologia più integrale e alla fine fascista – verso la fine del periodo tra le due guerre – è avvenuto a causa delle politiche anti-ucraine polacche nella Galizia orientale – da dove provenivano la maggior parte dei leader più radicali dell’OUN, tra cui Stepan Bandera (1909-1959).
Le repressive politiche della Seconda Repubblica Polacca contro gli sforzi ucraini per l’autonomia, la vita culturale e la partecipazione politica, così come le regressioni polacche post-belliche contro gli ucraini, non possono però servire da giustificazione, equilibrio o diminuzione del massacro di Volhin, come sostengono alcuni “patriottici” commentatori ucraini. Tuttavia, le molteplici repressioni dello stato polacco contro gli ucraini che vivevano sotto il suo controllo – tra le due guerre mondiali – sono stati tra gli altri, come pure le politiche anti-ucraine sovietiche, le influenze fasciste transnazionali, gli sviluppi endogeni all’interno del nazionalismo ucraino ecc.., dei fattori determinanti per la svolta estremista del nazionalismo etnico ucraino tra la fine degli anni ’30 e gli inizi degli anni ’40. Ciò significa, che anche le origini di questa radicalizzazione ucraina – in alcuni aspetti critici – sono state diverse dalle fonti dell’escalation simultanea del razzismo tedesco, che è diventato genocida in un modo maggiore dell’etnocentrismo ucraino e lo ha fatto all’interno di stati nazione più o meno sovrani.

In questo contesto, Varsavia dovrebbe astrarre la sua valutazione degli affari interni ucraini e la formulazione delle sue politiche nei confronti di Kyiv dai discorsi apologetici di alcuni attori ucraini, come l’attuale staff dell’Istituto ucraino per la memoria nazionale (Ukr. Abbrev .: UINP). Pur essendo un organo governativo, paradossalmente, l’Uinp persegue una linea politica estera conflittuale nei confronti di Varsavia, in dissonanza con l’approccio alla Polonia del ministero degli Esteri e dell’Ufficio presidenziale dell’Ucraina. L’Uinp promuove un’interpretazione del ruolo dell’OUN nella recente storia ucraina che viene criticata in un modo o nell’altro dalla maggior parte degli esperti accademici ucraini internazionalmente riconosciuti in materia. Il discorso idiosincratico dell’UINP sull’OUN è stato anche duramente criticato dai pochi specialisti occidentali su questo argomento.

Le attuali politiche ufficiali di memoria dell’Ucraina, così come rappresentate dall’UINP, sono in palese contraddizione con una risoluzione del Parlamento europeo del febbraio 2010 (per esempio, ad una parte “dell’acquis communautaire” che l’Ucraina sarebbe obbligata ad accettare pienamente, se vuole diventare un membro dell’UE, in cui il PE ha chiesto a Kiev di fermare l’eroizzazione dei leader dell’OUN).

Sebbene l’élite polacca non riesca a rimanere in silenzio in risposta ad alcuni sfortunati segnali degli attivisti della memoria nazionalista ucraina, le politiche di Varsavia nei confronti di Kyiv dovrebbero ancora seguire l’interesse strategico polacco e usare i vari strumenti a disposizione polacca per contribuire a rendere più sicura l’attuale zona grigia d’Europa. Nonostante l’attuale conflitto di memoria con parti dell’élite ucraina, Varsavia dovrebbe – fuori dalle proprie preoccupazioni nazionali – sostenere pienamente la stabilità, la resilienza e lo sviluppo dello stato ucraino.

La Polonia può farlo attraverso varie attività, che vanno dal lobbismo agli interessi ucraini nell’UE e nella NATO o il rafforzamento dell’indipendenza energetica ucraina, alla progettazione di risposte specificamente dell’Europa orientale (alleanze di sicurezza, azioni comuni, cooperazione transnazionale, ecc.), alla continua minaccia russa.

Tags: , , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- Opinioni

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.