Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

18 settembre 2018

Russia, ritorno al Medioevo | Russia


Mentre la maggior parte del mondo fa ammenda delle ingiustizie sociali e politiche del passato, la Russia sta lanciando i suoi despoti ed ai peggiori di loro erige statue. Dietro il fenomeno si nasconde un marchio di conservatorismo ultranazionalista che cerca di riportare la politica russa al Medioevo.

La gran parte del mondo è impegnato a smantellare i monumenti eretti in favore degli oppressori, i russi al contrario, si stanno muovendo nella direzione opposta, edificano statue ai signori della guerra medievali che sono stati famosi per il loro dispotismo. Capire questo risveglio potrebbe far luce sulla direzione presa dalla politica russa.

Nell’ottobre 2016, con l’appoggio del ministro della cultura russo, Vladimir Medinsky, è stato svelato nella città di Orel il primo monumento del paese a Ivan il Terribile. Un mese dopo, Vladimir Zhirinovsky, il nazionalista leader del Partito liberal-democratico della Russia, ha chiesto che Lenin Avenue a Mosca venisse ribattezzata in superstrada Ivan il Terrible. E nel mese di luglio di quest’anno, il presidente Vladimir Putin ha imposto al tiranno il tributo di Mosca, dichiarando – erroneamente – che “molto probabilmente, Ivan il Terribile non ha mai ucciso nessuno, nemmeno suo figlio”.

La maggior parte degli storici concorda sul fatto che Ivan sia stato all’altezza del suo epiteto: non solo uccise suo figlio e altri parenti, ordinò anche l’oprichnina, le purghe guidate dallo stato che hanno terrorizzato la Russia dal 1565 al 1572. Prese anche il comando nella sconfitta della Russia nella guerra di Livonia, e al tempo, il suo malgoverno contribuì a guai e ad un devastante spopolamento dello stato.

È Joseph Stalin che ha avviato il culto moderno di Ivan il Terribile. Ma, a partire dalla metà degli anni 2000, il Partito eurasiatico della Russia – un movimento politico guidato dal mistico filo-fascista Alexander Dugin – ha posizionato Ivan come la migliore incarnazione di una “autentica” tradizione russa: la monarchia autoritaria.
Il marchio di Dugin di “Eurasianesimo” sostiene l’abbraccio di un “nuovo Medioevo”, in cui quel poco che rimane della democrazia russa viene sostituito da un autocrate assoluto. Nel futuro ideale di Dugin, sarebbe tornato un ordine sociale medievale, l’impero sarebbe stato restaurato e la chiesa ortodossa avrebbe assunto il controllo sulla cultura e l’educazione.

L’Eurasianismo, che era marginale negli anni ’90, ha guadagnato una notevole popolarità negli ultimi anni e ha contribuito alla formazione del cosiddetto Club Izborsky, che unisce l’estrema destra russa. In diverse occasioni, Putin ha fatto riferimento all’eurasianismo come una parte importante dell’ideologia russa; lo ha persino invocato come il principio fondatore della “Unione Economica Eurasiatica”, una fiorente area commerciale degli ex stati sovietici.

L’Eurasianismo ha dato ai gruppi ultra-nazionalisti un terreno comune attorno al quale unirsi; ha anche portato come nuove legioni di sostegno i simboli del totalitarismo, quali Ivan il Terribile e Stalin.
Tra loro, i principali adepti sono membri del Partito Eurasiatico, che considerano il terrore politico lo strumento più efficace per la governance e chiedono una “nuova oprichnina” – una rivoluzione conservatrice eurasiatica fermamente antioccidentale. Secondo Mikhail Yuriev, membro del consiglio politico del Partito Eurasia e autore del romanzo utopico “Il terzo impero”, gli oprichniki dovrebbero essere l’unica classe politica, e dovrebbero dominare con la paura.

Ivan il Terribile non è l’unico vestigio medievale ad essere stato rianimato in Russia. Sta tornando anche il vocabolario culturale. Ad esempio, la parola kholop, che significa “servo”, sta tornando al volgare, una devoluzione linguistica che, nella moderna Russia, si pone parallelamente ad un preoccupante aumento della schiavitù. I dati dell’indice Global Slavery mostrano che nel settore delle costruzioni, nel settore militare, nell’agricoltura e nel commercio sessuale più di un milione di russi sono attualmente ridotti in schiavitù. Inoltre, i “proprietari” dei servi si identificano felicemente come moderni gentiluomini.

Persino i funzionari russi parlano con approvazione della schiavitù moderna. Valery Zorkin, che presiede la Corte Costituzionale, ha scritto in Rossiyskaya Gazeta, il giornale governativo ufficiale, che la servitù è stata a lungo un “collante sociale” per la Russia. E un altro termine medievale – lydi gosudarevy – che si traduce in “servi di sua maestà” – viene incoraggiato tra i burocrati di alto rango.
La nostalgia della servitù si complimenta con il desiderio di un ritorno all’autocrazia. I maggiori intellettuali russi – tra cui il regista Nikita Mikhalkov, il giornalista Maksim Sokolov e Vsevolod Chaplin, un religioso ortodosso russo – chiedono l’incoronazione di Putin e le petizioni di sostegno stanno guadagnando firme online. Significativamente, le proteste contro il regime di Putin nel 2012 sono state da allora interpretate non come una protesta contro Putin stesso, ma piuttosto contro l’ordine sociale a cui aspira l’Eurasianismo.

Il tacito sostegno di Putin alla visione eurasiatica di una Russia neo-medievale invoca la memoria storica dello stalinismo. Secondo Dugin, “Stalin ha creato l’impero sovietico” e, come Ivan il Terribile, esprime “lo spirito della società sovietica e del popolo sovietico”. Non c’è da stupirsi, quindi, che i monumenti di Stalin si stiano moltiplicando nelle città russe.
Il neomedievale è radicato nella nostalgia di un ordine sociale basato sulla disuguaglianza, sulla casta e sul clan, imposto dal terrore. La lealizzazione dei despoti storici riflette l’abbraccio contemporaneo di valori premoderni, radicalmente antidemocratici e ingiusti. Per i campioni contemporanei di Ivan, il passato è un prologo.

Tags: , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- Opinioni

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.