Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

14 dicembre 2018

Ucraina: speranze per il 2018? | Ucraina


Un anno fa, in molti hanno espresso speranza che “il 2017 sarebbe stato l’anno in cui l’economia ucraina avrebbe decollato”. Doveva essere così, ma non sta succedendo.

Nell’ultimo trimestre del 2016, il PIL dell’Ucraina è cresciuto del 4,8%; purtroppo, in ciascuno dei quattro trimestri successivi, il tasso di crescita è diminuito e il PIL è cresciuto solo del 2% nel 2017, un po’ meno delle caute proiezioni ufficiali. L’Ucraina sta effettivamente crescendo più lentamente dell’economia europea, e certamente più lentamente dell’economia globale. Pertanto, è difficile essere ottimisti sulla crescita economica dell’Ucraina nel 2018.

Dopo un calo del PIL del 17% combinato tra il 2014-15, causato dall’aggressione russa, avrebbe dovuto essere naturale una rapida ripresa con una crescita del 6-7%. Invece, l’Ucraina è in competizione con la Moldavia per il titolo di paese più povero d’Europa. Nel 2007, il PIL pro capite dell’Ucraina, negli attuali dollari USA, era del 160% superiore a quello della Moldavia. Ora è maggiore solo dell’8 per cento secondo le statistiche del FMI, e la Moldavia cresce del 4 per cento all’anno.

La parte peggiore è che nel 2017 le carenze economiche dell’Ucraina erano prevedibili. I due fattori dominanti che hanno aggravato la performance economica dell’Ucraina nel 2017 sono stati il ​​blocco del commercio e il fallimento della riforma giudiziaria. Lo scorso febbraio, i leader politici di Samopomich hanno istigato un blocco contro il commercio con i territori occupati nel Donbas, che ha sconvolto l’industria pesante ed ha portato alla stagnazione della produzione industriale. Solo questo atto, nella prima metà dell’anno, probabilmente è costato all’Ucraina il 2% del suo PIL.

Allo stesso tempo, le esportazioni, investimenti e consumi sono cresciuti bene, ma poi gli investimenti lordi sono crollati da un sano rapporto del 24% del PIL nel secondo trimestre, al misero 16% del PIL nel terzo trimestre. Gli investitori nazionali e stranieri hanno perso la loro crescente fiducia nell’Ucraina. Gli investitori hanno cominciato a rendersi conto che la complessa riforma giudiziaria in corso non avrebbe ripulito il sistema giudiziario e quindi non si sarebbero concretizzati affidabili diritti di proprietà.

Nel corso dell’anno queste tendenze sono solo peggiorate. Gli uomini d’affari si sono spesso lamentati che l’Ufficio del Procuratore Generale e il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina (SBU) si impegnavano in aggressive incursioni corporative. L’unica istituzione ucraina che combatte davvero la corruzione, l’Ufficio nazionale anticorruzione (NABU), è stata oggetto, proprio per questo motivo, di un pesante attacco da parte della coalizione al potere in parlamento e dell’ufficio del procuratore generale, minando ulteriormente la credibilità dello Stato di diritto del paese.

Questi fattori negativi hanno oscurato gli sviluppi positivi. Le prestazioni macroeconomiche dell’Ucraina sono state stellari. Il ministro delle finanze Oleksandr Danyliuk ha mantenuto il deficit di bilancio al di sotto del 3% del PIL. La leadership della Banca nazionale ha alimentato le riserve internazionali di oro e valuta che sono aumentate a 18 miliardi di dollari, corrispondenti a quattro mesi di importazioni. Naftogaz ha vinto il suo gigantesco caso di arbitrato contro Gazprom a Stoccolma e ha realizzato un notevole profitto. Il parlamento ha adottato l’imponente riforma dell’assistenza sanitaria del ministro della sanità, Ulana Suprun.

Grazie al miglioramento della situazione macroeconomica il governo ucraino ha venduto 3 miliardi di dollari di Eurobond a settembre. Sfortunatamente, questo segno di salute economica ha ribaltato l’equilibrio politico contro le riforme. Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) avrebbe dovuto dare all’Ucraina crediti per 4 miliardi di dollari nel 2017; ma siccome il governo non ha soddisfatto le condizioni richieste, il paese ha ricevuto solo 1 miliardo di dollari, mentre ne ha dovuto rimborsare 1,3 miliardi. L’Unione europea, dopo che l’Ucraina non ha soddisfatto quattro requisiti, ha annullato la sua ultima quota di 600 milioni di euro.

Allo stato attuale, sembra dubbio che una di queste istituzioni possa fornire all’Ucraina un qualsiasi finanziamento nel 2018, poiché la loro compassione è stata sostituita dalla sfiducia. Il Fondo monetario internazionale sta attualmente chiedendo cinque azioni preliminari per ulteriori finanziamenti, vale a dire l’istituzione di un tribunale anticorruzione indipendente, la legalizzazione delle vendite private dei terreni agricoli, l’adozione di una legge sulle privatizzazioni, una riforma pensionistica migliorata e l’adeguamento dei prezzi del gas ai prezzi di mercato. La richiesta focale di tutti i creditori internazionali è un tribunale anticorruzione indipendente, poiché il sistema giudiziario si è dimostrato incapace di condannare gli alti funzionari corrotti.

Inoltre, la società civile ucraina, altamente capace e perspicace, ha formulato due richieste politiche essenziali, l’introduzione di elezioni puramente proporzionali e l’abolizione dell’immunità parlamentare, perché accanto alle forze dell’ordine, il parlamento è un nido di corruzione. Saggiamente, la comunità internazionale sta ascoltando la società civile ucraina.

Purtroppo, la coalizione di governo non sembra interessata a una vera e propria corte anticorruzione indipendente o alla riforma elettorale, anche se la legislazione è in corso. Assurdamente, i politici ucraini sembrano essere assorbiti dalle elezioni presidenziali programmate per maggio 2019, quando invece dovrebbero concentrarsi sull’assicurazione dei diritti di proprietà reali in modo che l’Ucraina possa aumentare il rapporto di investimento a 25-30 percentuale del PIL e crescere del 6-8 percento all’anno.

Tags: , , , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.