Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

22 giugno 2018

Combattere per la dignità | Ucraina


Ha combattuto per la dignità ubbidendo alla legge del suo paese. Lei è morta per ferite di arma da taglio, nuda nella neve.
Chiunque sia il responsabile, l’omicidio di Irina Nozdrovskaya, avvenuto durante l’ultimo fine settimana del 2017, è diventato il simbolo della corruzione che affligge il governo e le Corti ucraine.

L’ultima volta che Irina Nozdrovskaya è stata vista viva è stata la notte del 29 dicembre. Raccolta in se stessa e seria, fumava una sigaretta fuori dal suo ufficio in Via Bankova, vicino all’edificio amministrativo del presidente dell’Ucraina. Nozdrovskaya, 38 anni, lavorava per l’opposizione ed era conosciuta come un impavido avvocato per i diritti umani e un infaticabile combattente contro la corruzione.

Alle 18:18 sua madre, Katerina Duniak, l’ha chiamata per chiederle quando sarebbe arrivata a casa. La risposta di Irina è suonata insolitamente brusca: “Non posso parlare adesso”. Quando i genitori richiamarono mezz’ora dopo, il telefono squillava a vuoto.
Il 1° gennaio, la polizia ha trovato il corpo nudo di Nozdrovskaya nel poco profondo e stretto fiume Kozka, vicino al suo villaggio natale di Demidov, alla periferia di Kyiv.

I vestiti di Irina, la pelliccia, due telefoni rotti e il coltello che l’ha pugnalata erano tutti sparpagliati lungo le rive del fiume.
L’avvocato di famiglia di Nozdrovskaya, Anatoly Khudiakov, ha riferito che dopo aver ispezionato il corpo di Irina ha notato 15 coltellate sul collo e nelle parti toraciche. “Due erano particolarmente profonde, le pugnalate le hanno spezzato la colonna cervicale”.
Anche adesso, una settimana dopo l’omicidio, la vecchia madre della vittima non sa la verità di quello che è successo a sua figlia: nessuno ha osato raccontarle le orribili notizie.

Nel 2015 la figlia minore di Duniak, la sorella ventiseienne di Nozdrovskaya, Svetlana, è stata uccisa da un’auto mentre camminava sull’erba sul lato sinistro di una strada sterrata del suo villaggio. Irina Nozdrovskaya è diventata l’unico sostegno del figlio della sorella di 4 anni, così come della propria figlia e dei suoi genitori.

La polizia investigativa sta lavorando su quattro diverse versioni dell’omicidio di Irina, ma alcune cose sono già chiare all’avvocato di famiglia, Khudiakov: “Ha reso la vita scomoda a molte persone, alcuni l’hanno vista come un loro nemico. Il suo omicidio è un crimine ben organizzato, programmato per il venerdì sera prima del fine settimana del nuovo anno, quando la polizia locale è meno solerte del solito”.

Irina, piccola donna di grande coraggio. Il suo amico e collega Mikhail Krivoruchkin, ha ricordato la prima volta che l’ha vista nel 2014. “Sono rimasto stupito nel vedere una donna minuta e bellissima, venire nel nostro comitato anti-corruzione a testimoniare contro un deputato della Rada, Anton Yatsenko”, ha dichiarato venerdì sera con i giornalisti Krivoruchkin. Nozdrovskaya si occupava di indagini nei contratti statali. “In quel settore era un esperto, conosceva tutti i meccanismi e artifici – ha spiegato Krivoruchkin – Odiava vedere i criminali restare impuniti solo perché avevano parenti o amici potenti”.

Una settimana prima d’essere uccisa, Nozdrovskaya ha chiesto aiuto a Krivoruchkin. Negli ultimi due anni della sua vita Nozdrovskaya aveva lottato per convincere i tribunali di Kyiv che Dmitrij Rossoshansky, l’autista ubriaco che aveva ucciso sua sorella minore, aveva un ricco passato criminale, “ma riusciva sempre a sfuggire alla punizione perché aveva uno zio giudice”. Aveva bisogno di un supporter per l’imminente audizione.

Come detective privato e avvocato della sorella defunta, Nozdrovskaya ha raccolto sufficienti prove documentali per dimostrare alla corte ed ai giornalisti investigativi che il casellario giudiziario di Rossoshansky includeva un furto di veicoli, una rapina e che era un boss della droga. Ma ogni volta che la polizia lo arrestava, Rossoshansky subito dopo veniva liberato, perché sostenuto dal suo influente zio, il giudice Sergei Kuprienko, e da altri potenti legami.

“Era una donna minuta con una grande resistenza ed è andata contro un giudice di pietra, un investigatore fatto di pietra. Ha reso noti i nomi di tutti coloro che erano coinvolti nella falsificazione delle prove. Ha fatto arrabbiare troppe persone”.
Durante un colloquio nel 2015 con Anna Maliar, un’esperta in giustizia criminale, Nozdrovskaya ha confessato: “Se solo la polizia avesse ritirato la patente di guida in conformità con la legge ucraina, mia sorella sarebbe ancora viva”, giurando di adoperarsi per trovare qualsiasi testimonianza contro Rossoshansky.

È stata una lotta pericolosa. Nozdrovskaya si è spesso lamentata con il suo amico Krivoruchkin delle molteplici minacce che riceveva dai sostenitori di Rossoshansky. Il 27 dicembre, la Corte di Kyiv ha tenuto un’udienza per il futuro di Rossoshansky. Alcuni amici di Irina hanno partecipato al processo per sostenerla.
Ma l’uomo sul banco degli imputati, Rossoshansky, aveva molti sostenitori. “Avevano i volti di persone violente, alcuni dei quali avevano scontato anni di prigione per omicidio, si comportavano come se la Corte fosse casa loro e comandassero tutto il paese”, ha ricordato Krivoruchkin.

Ma anche quello non ha rallentato Nozdrovskaya. “Irina ha insistito sul fatto che nel 2015 l’esame del sangue di Rossoshansky fosse stato rilevato 8 ore dopo l’incidente, invece di due ore, come previsto dalla legge. Davanti alla Corte ha affermato che il test era stato falsificato e che aveva prove sufficienti per dimostrarlo”, ha insistito Krivoruchkin. Quel giorno in Ucraina c’è stato un miracolo: la Corte ha deciso il caso a favore di Irina, ha mantenuto in carcere Rossoshansky ed ha rinnovato l’inchiesta.

Con questa audizione, Nozdrovskaya ha dimostrato all’Ucraina intera che il vecchio sistema post-sovietico stava per essere superato – la sua vittoria, ampiamente coperta dalla stampa, è per molti simbolo di quello che si può ottenere con la grinta e la determinazione: la vittoria della giustizia.

Nel frattempo, la polizia ha convocato Vitaly Sergeyev, il fidanzato di Irina, l’ha sottoposto ad un interrogatorio di nove ore. “Guarda! Qualunque cosa serva per trovare gli assassini, so che la polizia li troverà – ha affermato Vitaly Sergeyev alla fine del suo colloquio con le forze investigative – Niente al mondo avrebbe potuto fermare Irina nella sua lotta per la giustizia, non le importava il prezzo che avrebbe dovuto pagare”.
Il piano di Vitaly, confidò, era di proporre il matrimonio nel giorno del compleanno di Irina, il 27 gennaio. Invece, Vitaly, suo padre Victor e il padre di Irina, Sergei, hanno trascorso l’ultimo fine settimana dell’anno alla ricerca di Irina nella neve bagnata che copriva il villaggio e le sue periferie.

L’omicidio di Irina è diventato un altro simbolo della continua lotta degli ucraini per la dignità.
Si, in Ucraina è una lotta iniziata ancora nel 2013, è una lotta contro la violenza, contro l’ingiustizia, contro la menzogna. È lotta perché ogni essere umano sia riconosciuto nella sua dignità; è lotta contro ogni forma di sopraffazione; è lotta di liberazione per l’uguaglianza di tutti nel rispetto e nella valorizzazione della diversità di ognuno. È la forma di lotta più profonda, quella che va più alla radice delle questioni che affronta. È lotta contro il potere violento, cui si oppone nel modo più completo, rifiutando la sua violenza e rifiutando di riprodurre violenza. Afferma la coerenza tra i mezzi ed i fini, tra i metodi e gli obiettivi. Tra la lotta e il suo risultato c’è lo stesso rapporto che c’è tra il seme e la pianta. Chi lotta per la liberazione di tutti, deve usare metodi coerenti.

Chi lotta per l’uguaglianza deve usare metodi che tutti possano usare. Chi lotta per la verità e la giustizia deve lottare nel rispetto della verità e della giustizia.
È lotta contro il male, non contro le persone. È lotta per difendere e liberare, per salvare e per convincere, e non per umiliare o annientare altre persone.
È lotta fatta da esseri umani che non dimenticano di essere tali. Che non si abbrutiscono, che non vogliono fare del male, bensì contrastare il male. È lotta per l’umanità.

La nonviolenza è il contrario della viltà. È il rifiuto di subire l’ingiustizia; è il rifiuto di ogni ingiustizia, sia di quella contro di noi, sia di quelle contro altri. La nonviolenza è lotta. È lotta per la verità, è lotta per la giustizia, è lotta di liberazione e di solidarietà, è lotta contro ogni oppressione.

Questa era la lotta di Irina e di tutti quelli che ieri e oggi hanno sacrificato e stanno sacrificando la loro vita per un fine: una Ucraina diversa, libera, democratica e indipendente.
Il 2 gennaio dozzine di manifestanti si sono radunati fuori dall’ufficio della polizia nazionale a Kyiv. Le persone hanno raccolto le firme per chiedere le dimissioni del ministro degli interni. Un cineasta ucraino, Zhanna Maksymenko-Dovhych, si è unito alla protesta insieme a suo marito. “Il mio buon amico Timur è stato ucciso da una macchina, ma l’autista non è mai stato punito; ammiro Irina – ha apostrofato Maksymenko-Dovhych – Il suo omicidio ha scosso tutte quelle persone che sono state così disilluse. Ha rappresentato la dignità”.

Tags: , , , , , , ,

2 Risposte “Combattere per la dignità | Ucraina”

  1. 7 gennaio 2018 a 12:23

    A mio avviso, questa notizia tremenda, che sta tra cronca nera e politica, deve far pensare agli ucraini che devono affrontare con più decisione il problema della corruzione interna, vasta e perniciosa.

    • Bedris
      7 gennaio 2018 a 12:29

      Verissimo.

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.