Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

15 agosto 2018

Le particolari relazioni tra Putin e Kirill | Russia


La Chiesa, nella concezione del presidente russo Vladimir Putin, è sempre stata una sorta di servizio ideologico che ispira “la nascita di imprese e protegge le gesta della Patria”, scrive il giornalista Andrew Peppers su Carnegie.ru. L’autore analizza ciò che il presidente vorrebbe dalla Chiesa ortodossa russa, come questa è inserita nello stato, la visione del suo ruolo come è percepito dal Cremlino, che è diverso dalla visione del Patriarca Kirill.

È stato il primo Consiglio dei Vescovi della Chiesa Ortodossa Russa (ROC) che si è svolto con la partecipazione del Presidente della Russia – Vladimir Putin ha fatto visita all’evento solo nell’ultimo giorno. L’incontro con il clero si è in qualche modo perso sullo sfondo di eventi pre-elettorali standard, come le conversazioni con i lavoratori sui benefici degli sport e gli incontri con i lavoratori delle ferrovie.

Tuttavia, il discorso di Putin alla cattedrale può essere definito programmatico: in esso, forse, per la prima volta esprime chiaramente il suo punto di vista sul ruolo della chiesa nella società. No misticismo e supertask: secondo il presidente, la chiesa ha funzioni utilitarie, è inserita nello stato e dovrebbe aiutare a preservare “stabilità e unità”.

Al servizio dello stato
Tutte le parti del discorso di Vladimir Putin, dalle escursioni storiche allo svolgimento dei compiti della ROC (sono suonate anche queste note), sono state dedicate alla partecipazione della chiesa negli affari dello stato. La Chiesa, nell’intendimento del presidente, è sempre stata una sorta di servizio ideologico, che ispira “la nascita di imprese, tutela gli atti nazionali e riunisce i rappresentanti delle proprietà”, mentre i patriarchi sono preposti al controllo. Dopo la rivoluzione, secondo il capo dello Stato, la chiesa è stata in grado di “preservare la cultura, la storia, i costumi, le tradizioni e il carattere nazionale”.

“Sono stati i veri valori e il patriottismo che hanno manifestato la loro forza e sono diventati la spina dorsale dei nostri soldati – i soldati della Grande Guerra Patriottica. In quel momento in tutte le chiese si tenevano servizi di preghiera. La Chiesa ortodossa russa e i rappresentanti di altre organizzazioni religiose hanno raccolto i fondi per lo sforzo bellico”, ha ragionato il presidente davanti al clero.
Negli anni ‘90 anni, ha detto, la Chiesa ha chiesto “accordo e unità”, e ora “svolge la sua missione alta e responsabile, ampliando di anno in anno il suo servizio sociale”. “Opera fruttuosamente nel campo dell’educazione morale e della carità, nutre l’esercito russo, aiuta gli anziani e le persone bisognose, coloro che sono inciampati nella vita”, ha citato Vladimir Putin.

Non è difficile capire il motivo per cui il Presidente fin dall’inizio del discorso avesse parlato dei benefici secolari che la ROC ha portato allo Stato russo: la Chiesa per lui è uno degli strumenti del potere. Approssimativamente nella stessa maniera in cui i leader sovietici hanno parlato dei benefici, ad esempio, dell’arte – che in primo luogo ha educato, preservato, insegnato e tenuti uniti i cittadini. La stessa cosa, secondo le autorità russe, dovrebbe fare la Chiesa.

Informazioni politiche per i sacerdoti
Il presidente nel suo discorso ha usato spesso i termini “moralità” e “spiritualità”, ma questi concetti sono da tempo diventati un segno nel discorso della propaganda russa. Sono usati in un certo contesto – i politici e i funzionari si oppongono allo “immorale” Occidente, mettendo in antagonismo la “spiritualità e moralità” della Russia. In Occidente, le parate gay, i matrimoni omosessuali e la violenza dei migranti (per qualche motivo anche questo è un segno di immoralità), mentre in Russia la famiglia tradizionale, l’esercito, il patriottismo e la fede – sono concetti che si trovano in una sola riga.

Vladimir Putin parla costantemente usando questo spirito. Come presagio del decadimento occidentale, il presidente russo ha richiamato, ad esempio, la notizia falsa secondo cui in Austria un migrante ha violentato una ragazza ed è stato assolto. Il capo dello stato nella Cattedrale ha tenuto la stessa linea. “Oggi vediamo come in molti paesi siano stati erosi i valori tradizionali, e questo porta al degrado della istituzione familiare, alla reciproca alienazione della società, alla spersonalizzazione delle persone. L’indifferenza e l’apatia, la perdita di orientamento dei valori portano alla crescita del radicalismo, la xenofobia e conflitti religiosi. L’egoismo che distrugge una persona diventa nazionalismo aggressivo”, ha spiegato il presidente ai gerarchi.

Secondo lui, i gerarchi della chiesa si comportano correttamente: “Esprimono onestamente e direttamente la loro visione dei processi che stanno avvenendo oggi sia nel nostro paese, che nel mondo nel suo insieme”. Così, la chiesa, nella cognizione di Putin, aiuta le autorità russe nell’arena mondiale a condurre la propaganda e a mantenere lo status di “faro dei valori tradizionali”, che il presidente considera chiaramente come una prerogativa della Russia.

“Sempre più persone stanno guardando alla Russia come punto di riferimento degli immutabili valori tradizionali, una sana vita umana. Sono convinto che per rispondere adeguatamente alle sfide del futuro, dobbiamo difendere la giustizia, la verità, preservare la nostra identità sulla base della nostra cultura, la storia, la spiritualità e la base dei valori. Andando avanti e assorbendo tutto ciò che è nuovo e avanzato rimarrà una unica Russia, per sempre”, questa frase è stata l’ultima affermazione del discorso del presidente.

Anche gli esempi storici forniti da Putin sono abbastanza significativi: per il presidente, l’aiuto della Chiesa allo Stato è importante, ed è così che dovrebbe essere. L’appello agli anni della Grande Guerra Patriottica non è casuale: durante la guerra, Stalin ha dato alla Chiesa alcune indulgenze: il ROC finalmente ha scelto un suo patriarca e le chiese, precedentemente chiuse, hanno cominciato ad essere aperte.
Per una svolta dello stato verso la chiesa ci sono state ragioni pragmatiche: l’esercito sovietico ha lanciato una controffensiva contro le truppe naziste che, per scopi di propaganda, aprirono le chiese chiuse; inoltre, un atteggiamento più tenero nei confronti della religione avrebbe potuto facilitare i negoziati con gli alleati. Dopo la guerra, la chiesa non si è direttamente opposta al Partito comunista e alla burocrazia, e molti sacerdoti hanno collaborato con i servizi speciali. Le autorità sovietiche percepivano la chiesa come uno degli strumenti della propaganda, ma la propaganda del “contrario”, con la quale era necessario prendersi cura, ed a volte si utilizzava per i propri scopi – non consentire ai fedeli di creare disordini.

Questa è la stessa visione utilitaristica con cui Putin guarda la ROC, solo che per lui la Chiesa Ortodossa russa fa parte della “giusta” macchina della propaganda. Molto probabilmente, il presidente è un credente, ma la sua fede è speciale. Egli non cita la Scrittura e apparentemente ne ha una scarsa conoscenza – per esempio, Vladimir Putin ritiene che le parole del Vangelo “la trave nel tuo occhio” sia “un buon proverbio”.

Invece però, lui conosce molto bene i lavori al limite tra la religione e la geopolitica dei filosofi russi Ivan Ilyin, Lev Gumilev e Nikolai Berdyaev. La Russia ha un suo percorso speciale, l’Ortodossia – è una sua parte e un segno, è un pezzo del puzzle insieme alle speciali autorità russe e all’esercito.
Queste idee sono molto lontane dalla tradizionale carta della vita ortodossa. Per una persona credente la fede è primaria: dare a Cesare ciò che è di Cesare, e a Dio ciò che è di Dio. Per Vladimir Putin – Dio dovrebbe aiutare Cesare. Questi punti di vista hanno radici storiche: nella Russia zarista la chiesa era governata dall’autorità secolare: l’imperatore. Il quale nominava i membri del governo del Santo Sinodo, in cui c’era un rappresentante-manager – il Procuratore capo. La chiesa era inscritta nel potere statale e ne era un suo elemento.

Una spaccatura sulla strada per il tempio
Le tesi del discorso del Patriarca Kirill sono sembrate invece un’obiezione al discorso del presidente. Il Patriarca ha criticato l’influenza dello stato sulla chiesa, e le critiche hanno colpito anche la Russia zarista. Ha ricordato la nota che il primo ministro Sergei Witte ha presentato allo zar Nicola II nel 1904. “Witte ha notato che una delle ragioni per la perdita di influenza della Chiesa sul popolo è che c’è un certo strato burocratico tra la chiesa e la autorità ecclesiastica superiore, la chiesa e il popolo. Infatti, attraverso l’intervento dello Stato non c’è un dialogo diretto tra la Chiesa e l’intera società”, ha dichiarato apertamente il patriarca.

Certo, il presidente e il patriarca non hanno discusso direttamente: il primo ha menzionato la “indipendenza” della chiesa, il secondo ha ringraziato le autorità che, come in passato, questa indipendenza non viene limitata. Tuttavia, dietro alla formale riverenza, i discorsi di Kirill e Putin hanno rivelato le contraddizioni esistenti riguardo al diverso concetto del ruolo della chiesa.

È da tempo noto che il rapporto tra il presidente e il patriarca è diventato teso dopo lo scoppio della crisi ucraina e il conflitto nel Donbass. Per Vladimir Putin, il sostegno della chiesa, che potrebbe criticare le autorità ucraine, potrebbe essere un significativo strumento di propaganda: la ROC, secondo lui, dovrebbe sostenere lo stato russo; ma per il patriarca e la ROC, sono importanti i buoni rapporti con le autorità ucraine: la Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca opera sul territorio dell’Ucraina.

Ora, nel corso delle teorie del complotto, nei sogni del Cremlino c’è la sostituzione di un Patriarca che è diventato ostinato e testardo, con un uomo che abbia più punti di vista verso lo Stato. Ad esempio, il vescovo Tikhon (Shevkunov), che molti considerano il confessore di Vladimir Putin. Questo probabilmente non è vero, ma questo gerarca utilizza abilmente le voci e sottolinea con forza la sua vicinanza al Cremlino. In ambienti religiosi, è percepito come “il patriarca delle autorità” e attualmente ciò non soddisfa tutti i credenti e i sacerdoti.

Molti di loro non sono pronti a percepire la chiesa come il ministero della propaganda o solo uno dei suoi sottosettori. I liberali ortodossi (come il diacono Andrei Kuraev e le persone con opinioni simili) sono interessati all’attenzione dello stato alle preoccupazioni della Chiesa, i radicali ortodossi – come Vsevolod Chaplin e Natalia Poklonsky – al contrario, ritengono che questo stato dovrebbe aiutare la chiesa. Il ruolo della ROC come strumento del Cremlino non si adatta né ai primi né ai secondi.

Il discorso di Putin davanti ai vescovi poco prima della campagna presidenziale non farà altro che esacerbare queste contraddizioni. Nè farà piacere ai cittadini indifferenti alla religione, che sono preoccupati dalla penetrazione della Chiesa nelle sfere secolari della vita sotto pretesti di propaganda statale. Vladimir Putin, invece di cercare di appianare gli angoli acuti, al contrario, ha alimentato le paure. Per gli atei, fa un passo verso la chiesa, per molti credenti – sta cercando di stabilire il controllo statale sulla chiesa. Il discorso del Presidente è la prova che il Cremlino vede la situazione della società in generale e la Chiesa russo-ortodossa, in particolare, in una luce distorta.

Tags: , , , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- News

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.