Vai a…

Ua-Time

Supplemento giornalistico web

Ua-Timesu Google+RSS Feed

22 giugno 2018

Le elezioni presidenziali russe | Russia


In Russia, recentemente, le discussioni sull’opportunità o meno di boicottare le elezioni presidenziali o, al contrario, se esercitare vigorosamente il diritto di voto, si sono infiammate sul web in modo sempre più enfatico. Ieri, a causa di ciò, sono stato coinvolto in una discussione, diciamo discreta. Il suo istigatore, l’amico Alexei Gouripanov, mi ha raccomandato di pubblicare le mie opinioni.

In Russia attualmente non ci sono elezioni presidenziali, né elezioni con candidati alternativi, né elezioni con un solo candidato, né elezioni competitive, né elezioni non competitive. Non esistono affatto le elezioni presidenziali. Per il momento, in Russia ci sono molte regioni che sono anomalie elettorali, mentre altre poche regioni si adoperano per attuare cose, per così dire, giuste. Nelle prime, non c’è bisogno di preoccuparsi di quanto tempo debba passare per l’eventuale ballottaggio, e non è un problema riportare le relazioni finali dei voti ufficiali.

Quindi, a tutti gli effetti, le elezioni sono state abolite. Ciò che conta, in effetti, non è l’imminente vittoria di Putin. La procedura non può nemmeno essere vista come un solido sondaggio sociopolitico, imperniato sulla questione di quante persone in Russia sono per i rossi, quanti per i bianchi, quanti per le mele e quanti per le pere.

E, dal momento che non si svolgeranno le elezioni, questo in una certa misura dovrebbe attenuare il dibattito. Questa è stata la mia richiesta di pace con un tono pacifico diretta a coloro che discutono per il coinvolgimento o no nelle elezioni. Quelli che andranno alle urne e quelli che non lo faranno sono nella stessa situazione: né i primi, né i secondi prenderanno parte o non parteciperanno ad un’elezione, qualunque cosa immaginino di fare, perché oggettivamente, anche indipendentemente dalle impressioni soggettive, non si può prendere parte ad un qualcosa che non esiste.

Non puoi prenderne parte, nel senso che è vietato parteciparvisi, ma nel senso che è impossibile prenderne parte.
L’unica cosa che rimane da vedere, date le circostanze, è capire quale comportamento è preferibile.
Le persone attualmente coinvolte nel processo elettorale non sono mai state in grado di recuperare il numero significativo dei voti che gli sono stati rubati, né sono mai state in grado di trasformare questa rapina in una seria discussione pubblica. Forse non è colpa loro, dal momento che il sistema giudiziario russo è disfunzionale, ma il mio punto non è questo. I partiti e i candidati esistenti cercheranno d’aumentare la partecipazione facendo una campagna per se stessi. In questo modo, i candidati e il Cremlino stanno perseguendo lo stesso fine. Più tardi, il conteggio finale dei voti verrà reso noto in accordo con le trattative fatte prima delle elezioni o, al contrario, saranno truffati. Questa non è una nostra preoccupazione. Cioè, lo scenario è ben noto, implementato molte volte prima, e anche questa volta verrà ripreso. In breve, in Russia lo hanno già visto prima, lo conoscono bene.

Ciò che non hanno vissuto prima è un boicottaggio serio e ben organizzato, anche se in passato hanno avuto richieste di attuarlo. Ora però, ci sarebbe la possibilità di scoprire sul campo se esiste la possibilità d’organizzare un boicottaggio delle elezioni o meno, e se potrebbe avere un effetto, oppure no. Questo, almeno, potrebbe ampliare la conoscenza sperimentale della materia.

Semplici calcoli matematici dimostrano che una diminuzione dell’affluenza aumenta la percentuale dei voti espressi per Putin. Ma alla fine, interessa a qualcuno quale sia stata la percentuale di voti espressi per lui, che sia stata del 65% o del 75%, se le cifre finali sono consapevolmente false e dettate dai massimi dirigenti? Nel caso estremo, se andassero a votare solo i sostenitori di Putin, porterebbero a casa il 100% dei voti, e questo sarebbe assolutamente inaccettabile, perché un leader europeo non può vincere il 100% dei voti, e Putin ne è ben consapevole.

Un’evidente diminuzione dell’affluenza, che possa essere chiaramente distinguibile dal margine di errore statistico, equivarrebbe a dire che un importante segmento della popolazione russa aveva concluso che le elezioni in Russia erano a dir poco carenti. Questo sarebbe un importante risultato politico.
Per il momento, lascio da parte gli ulteriori vantaggi morali, come la deliberata non partecipazione ad un processo fittizio, la non partecipazione ad eventi approvati dal Cremlino, ecc…

Post scriptum.
Ogni giornalista o “esperto di Russia” che ha scritto o è stato tentato di scrivere qualcosa del tipo: “Con una percentuale di approvazione dell’80%, Putin dovrebbe facilmente raggiungere la vittoria a marzo”, dovrebbe leggere il mio breve commento precedente sul perché non ci sono al mondo bestie come le elezioni in Russia, e i possibili benefici politici di una, non più o meno massiccia partecipazione alle non elezioni previste per marzo.

Vorrei aggiungere che tali giornalisti ed “esperti russi” dovrebbero leggere il pezzo, che in Russia equivale ad una conoscenza generale, prima d’essere licenziati e cacciati fuori dalla professione, ma l’angelo che mi protegge mi ricorda che alcune persone non possono fare a meno di nutrire simpatia e sostegno per i tiranni. Che siano giornalisti e accademici accreditati che sono coinvolti in questa infondata condiscendenza, non dovrebbe sorprendere nessuno.

Nella vita è più facile andare d’accordo se affermi e fai ciò che la maggior parte dei tuoi cosiddetti colleghi stanno facendo, specialmente se stai recitando in un posto in cui non vivi e di cui non sei proprio “un esperto”, e vieni pagato per fare questo lavoro più o meno dannoso. Pensavo che l’attacco alla “pollocrazia russa”, che è stata montata da molte persone diversi anni fa, potesse portare alcuni giornalisti ed “esperti russi” che ora stanno venendo a vedere la luce dei sondaggi per le elezioni russe nel periodo putinista che sono quasi sempre truccate, a rendersi conto che non forniscono nessuna conoscenza di ciò che “i russi pensano davvero”; ma avevo dimenticato che la maggior parte dei giornalisti sono pigri e molti accademici sono abbagliati dai tiranni e dai numeri come “fatti scientifici”, o forse amano solo la tonalità di verde dei dollari. Con l’auto-rielezione di Putin proprio dietro la curva, la spinta è arrivata ancora una volta e l’inattendibilità della sua popolarità, in realtà inesistente, è stata spazzata sotto il tappeto.

Tags: , , , , ,

Rispondi

Altre storie da- Opinioni

EnglishGermanItalianRussianUkrainian
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.